Cerca

Fisco, adesso basta coi blitz: controlli casa per casa

Dopo le operazioni della Gdf in tutta Italia, tra pochi giorni in funzione il super-cervellone elettronico: niente più segreti

Fisco, adesso basta coi blitz: controlli casa per casa

La guerra all'evasione fiscale non è fatta soltanto di blitz. Dopo i controlli a tappeto che settimana dopo settimana stanno coinvolgendo tutta Italia - da Cortina a Milano, da Roma a Napoli, da Sanremo a Cormayeur passando per Oristano e Portofino - si aprirà la fase due della campagna dell'Agenzia delle Entrate. Dopo il controllo a tappeto del territorio si passerà alla guerra elettronica (i blitz delle Fiamme Gialle, in parallelo, continueranno): tra poco più di un mese entrerà in funzione la super banca dati che è stata istituita contestualmente al varo del decreto Salva-Italia.

Il funzionamento - Mancano poche formalità prima che il cervellone del fisco entri in funzione: la firma delle convenzioni con L'Abi (in totale le banche riverseranno circa 400 milioni di dati) e quindi l'ok definitivo del garante della privacy. Dopo queste due formalità le sinapsi del più grande spione d'Italia inzieranno alacremente a lavorare: scatteranno le indagini finanziarie. Il meccanismo è stato messo a punto dopo un'analisi che ha coinvolto 22 milioni di famiglie e 50 milioni di soggetti, divisi in undici categorie ed effettuata su un paniere di 100 voci di spesa. Nel dettaglio, le voci sono state suddivise in 7 macrocategorie (casa, mezzi di trasporto, assicurazioni, istruzione, attività ricreative, investimenti, altre spese). Il meccanismo? Se la denuncia dei redditi non risulterà congrua agli elaborati del cervellone elettronico scatterà il controllo. Soltanto per il 2012 si prevedono almeno 35mila accertamenti.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • criticone

    26 Febbraio 2012 - 06:06

    non c'è bisogno di cervelloni ma bastava incrociare proprietà, conti bancari e denunce dei redditi e si trovava l'evasore.si prendeva una provincia alla volta, la si passava al setaccio e trovato l'evasore si applicavano sanzioni retroattive anche per 20 anni.è l'unico sistema per a cosa sanare la nazione.

    Report

    Rispondi

  • pensiero37

    22 Febbraio 2012 - 23:11

    Forse mi sono espresso male. Ho riletto ciò che scrissi in merito a extracomunitari e non. Boh! a me sembra così chiaro. La quasi totalità della gente imprenditoriale e padrona di case, al cento e sud italia non paga i contributi agli stranieri o lo fa in maniera ridotta, proprio per pagare loro meno tasse.Glie lo ribadisco. Per quanto riguarda l'evasione fiscale da parte mia... creda, si sbaglia. Io non tasserei gli evasori fiscali. Ma ripristinerei per loro la crocifissione, estesa anche ai loro famigliari. Saluti, caro signore.

    Report

    Rispondi

  • perfido

    21 Febbraio 2012 - 14:02

    la domanda: " ci sono dentro i nominativi anche di Giudici e Pubblici Ministeri ? ". Ovviamente, la proporzione è d'obbligo, cioè, 2 nominativi di Giudici - 2 nominativi di Pubblici Ministeri - e circa 55 milioni di contribuenti. Giusto ?. Questa si che è una bella soluzione. Saluti.

    Report

    Rispondi

  • marcopcnn

    21 Febbraio 2012 - 06:06

    Io per nulla. Che guardino, indaghino, incrocino. Un vecchio adagio diceva "Male non fare, paura non avere" Quella contro gli evasori è una guerra e sono pienamente disposto a sopportare una limitazione della mia Privacy in cambio della speranza di vincerla. Gli onesti hanno tutto da guadagnare. Se si vincerà la battaglia le tasse per noi caleranno, Gli evasori urlano, sbraitano invocano la privicay ? Chi se ne frega !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog