Cerca

Grazie alla caccia all'evasore ridurranno le aliquote Irpef

Il governo vuole ritoccare al ribasso le aliquote tramite un fondo finanziato dagli evasori. Crediti a imprese, verso lo sblocco di una nuova tranche

Grazie alla caccia all'evasore ridurranno le aliquote Irpef

Dopo i blitz e l'incremento della pressione fiscale il governo si impegna a tagliare le aliquote Irpef grazie ai proventi della lotta all'evasione. Questa una delle due priorità del governo Monti, che venerdì varerà il pacchetto semplificazioni che prevede anche un inasprimento delle pene per chi truffa sugli studi di settore e, contestualmente, pignoramenti più 'soft' per contribuenti privati e imprese. La seconda delle priorità sul tavolo dell'esecutivo è quella dei crediti delle imprese e di come lo Stato possa ripagarli, almeno in parte, in tempi rapidi.

Aliquote Irpef - Il governo ha intenzione di mettere nero su bianco l'impegno a restituire ai contribuenti onesti quello che, di fatto, è stato sottratto loro dagli evasori. Come? La soluzione caldeggiata sarebbe quella di creare una sorta di fondo con parte dei soldi provenienti dalla lotta all'evasione, un paniere da utilizzare per ridurre le aliquote o per la concessione di nuove detrazioni. Secondo le indiscrezioni, il possibile intervento diretto sull'Irpef potrebbe essere agevolato anche dalla riorganizzazione delle detrazioni già esistenti (secondo le stime del governo ne dovrebbe scaturire un maxi-risparmio da 20 miliardi l'anno da destinare alla riduzione del deficit). Gli interventi si dovrebbero concentrare sull'aliquota più bassa - quella del 23% che si applica nella forchetta tra i 7 e i 15 mila euro -: obiettivo è ridurla al 20 per cento. La squadra di Monti mira a ridurre anche le aliquote superiori, sfoltendole e accorpandole al 30 e al 40 per cento.

Crediti delle imprese - Per quel che concerne i pagamenti alle imprese, dopo lo sblocco di una prima tranche da 5,7 miliardi con il pacchetto liberalizzazioni di fine gennaio, il governo potrebbe decidere di anticipare l'entrata in vigore della direttiva europea sui tempi dei pagamenti da parte dell'amministrazione pubblica, che verrebbero ridotti a 60 giorni. La direttiva potrebbe entrare in vigore già nella primavera del 2013, ma per le nuove forniture, in Italia, potrebbe essere adottata già da quest'anno. Resta sempre il problema del credito residuo che possono vantare le imprese, che oscilla tra i 70 e i 100 miliardi di euro: una somma enorme, che potrebbe essere però lievemente ridotta già venerdì grazie a una nuova tranche di pagamenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dasvidania

    23 Febbraio 2012 - 10:10

    ma smettiamola di fare a credere queste fandonie ai cittadine servi che nn sanno niente di econoimia....prima di recuperare i soldi dell'evasione ci vuole tempo processi...contenziosi..e poi si vedra' e abbassare l'aliquota !!!!! 300 e.di risparmio l'anno...neanche una pizza al mese... tutto fumo negli occhi.....x chi no conosce l'economia...

    Report

    Rispondi

  • Federico di Hohenstaufen

    21 Febbraio 2012 - 01:01

    Tutte storie, con una mano ti toglie e con l'altra ti dà, alla fine è sempre più quello che riceve di quello che dà. I carburanti hanno un prezzo oramai inavvicinabile, le pensioni non sono state rivalutate, l'iva è aumentata, bollette del metano e energia pure, a giugno pagheremo la famigerata tassa sulla casa, in pratica se si pagherà 500 euro in meno di irpef se ne pagheranno 1.ooo in più su altri consumi. Grande capolavoro

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    20 Febbraio 2012 - 22:10

    ...fare i conti...e quando applicherete l'aliquota al 30% vedrete cosa succede alla fascia del vs.reddito !? A Monti ...non ciurlare per il manico; ca' nisciuno è fesse!

    Report

    Rispondi

  • giama

    20 Febbraio 2012 - 18:06

    Ma chi ci crede'?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog