Cerca

MontePaschi, Profumo di Pd: tifano per banchiere indagato

Siena, grandi manovre sul futuro di Mps. Bindi e democratici sponsorizzano l'ex Unicredit, nei guai per frode e con flop miliardari

MontePaschi, Profumo di Pd: tifano per banchiere indagato

Profumo di Pd su Monte dei Paschi. Le grandi manovre intorno alla banca senese, di cui la Fondazione ha deciso di cedere il 15% delle azioni, vedono grande protagonista proprio Alessandro Profumo, sponsorizzato dai democratici cittadini ma soprattutto da quelli romani, in testa Rosy Bindi (senese di nascita). Mentre l'advisor di Mps Rothschild, come scrive Camilla Conti sul Giornale, si è accordato con i fondi Clessidra ed Equinox per una parte delle quote, urgono anche altri attori. L'obiettivo dichiarato è trovare liquidità per saldare il debito di 1,1 miliardi di euro entro il 15 marzo. Una corsa contro il tempo, ecco perché è tanto importante coinvolgere il mondo politico. In realtà, il partito democratico senese è diviso sulla candidatura dell'ex Unicredit. L'ala sinistra guidata dal sindaco Franco Ceccuzzi e dal presidente della Provincia Simone Bezzini stanno con Profumo, anche se genovese e non senese. I centristi cattolici, invece, ne farebbero volentieri a meno. Il problema è d'immagine e non solo, perché sul groppone di Profumo c'è il possibile rinvio a giudizio per frode fiscale sul caso Brontos, roba da 245 milioni di euro di cui si avrà certezza il prossimo 22 maggio. Guai giudiziari, certo, ma non solo: dal 2008 ad oggi la gestione Profumo è costata ai soci Unicredit qualcosa come 14,5 miliardi di euro. Se "Papa straniero" dev'essere, che almeno dia un po' di sicurezze.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    22 Febbraio 2012 - 20:08

    abbiamo una banca,abbiamo una banca,abbiamo una banca,abbiamo una banca,

    Report

    Rispondi

  • spadino65

    22 Febbraio 2012 - 19:07

    scritto su questo giornale sembra una barzelletta....

    Report

    Rispondi

  • oasis77

    22 Febbraio 2012 - 18:06

    Gira che ti rigira sono sempre gli stessi manager che vanno al comando.. Profumo? mah... ma in italia non esistono manager giovani e competenti e perchè no, non inquisiti?!? Esistono?!? Io credo di si.. Allora, profumo con la sua buona uscita di 40 mln di euro può starsene a casa...

    Report

    Rispondi

  • perfido

    22 Febbraio 2012 - 18:06

    che quelli di sinistra, Bindi e i democratici, usano Profumo?. A me sembra che abbiano sempre usato, l'eu di toilette. Boh! mi sbaglierò. Saluti.

    Report

    Rispondi

blog