Cerca

Crisi, l'Ue avverte Monti: Ripresa solo se spread a 370

La Commissione europea: "Pil eurozona nel 2012 calerà dello 0,3%. In Italia meglio nel seconso semestre, dipende dai Bund"

Crisi, l'Ue avverte Monti: Ripresa solo se spread a 370

Recessione sì, ma i conti dell'Italia reggeranno se lo spread resterà intorno ai 370 punti. L'avvertimento arriva dalla Commissione euroea, secondo cui il Pil dell'eurozona calerà dello 0,3% nel 2012 e rimarrà invariato nell'Ue a 27 paesi. "L'inatteso stallo della ripresa a fine 2011 è pronto ad estendersi nei primi due trimestre - si legge nel rapporto - e si stima una crescita modesta nella seconda metà dell'anno". Non sfugge alle maglie della crisi l'Italia, anzi. Ma dalla Commissione europea arriva un po' di ottimismo: l'economia potrà registrare una ripresa soltanto nella seconda metà del 2012, a condizione come detto che il differenziale di rendimento con i bund decennali tedeschi resti intorno ai 370 punti. Attualmente lo spread si aggira intorno ai 340 punti. In Italia, spiegano i vertici europei, "a causa di un alto livello di incertezza, i consumi più cospicui e gli investimenti delle aziende vengono rimandati, con la conseguenza che le stime di crescita per la prima parte del 2012 sono peggiorate rispetto alle stime precedenti". La stima prevede un calo del Pil dello 0,7% nel primo trimestre 2012, e dello 0,2% nel secondo trimestre. "Si prevede che l'attività economica si stabilizzi nella seconda parte del 2012 purchè non si verifichi un ulteriore deterioramento delle condizioni sui mercati finanziari e lo spread tra i bond decennali italiani e quelli tedeschi rimanga intorno ai 370 punti".  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vincenzo4058

    28 Febbraio 2012 - 18:06

    Si rincorre ancorre ancore lo spread; ma si lascia che sia solo il lavoratore a provvedere per lo "scatto finale", naturalmente non dimenticando i tagli ai soliti isolati "Pensionati"! Infatti, mentre si predica equità e risparmi da dover fare con tagli per tutti, non ci si dimentica di attuare e concedere migliorie ai soliti "Cervelli" che dovranno in parte condurre il trabiccolo, ossia quella squadra di alti professionisti elencanti nell'art.24 della Legge 448/98, così come viene disposto con il dPR 232/2011 http://www.mondodiritto.it/normativa/decreto-presidente-della-repubblica

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    24 Febbraio 2012 - 22:10

    ...dopo tre mesi è ancora occupato ad acchiappare lo spread che fa le bizze! Non gli resta che un provvedimento draconiano,infallibile...mettere il sale sulla coda dello spread per fermarlo !? Curreghe drè...!

    Report

    Rispondi

blog