Cerca

Gran tradimento del prof Monti Non ha comprato Bot e Btp

Il premier predica bene ("Fiducia in noi stessi") e razzola male: punta su mattone, azioni e obbligazioni. Ha paura del crac?

Gran tradimento del prof Monti Non ha comprato Bot e Btp

Non ci ha creduto nemmeno lui. Mario Monti aveva usato toni accorati e quasi drammatici il 22 dicembre scorso rivolgendosi agli italiani in un momento dei più delicati per lo spread: «Per superare la crisi dei debiti sovrani è essenziale che tutti guardino con fiducia ai nostri titoli: è   essenziale che gli italiani sottoscrivano Bot e Btp le cui rendite oggi sono elevatissime. Occorre che abbiamo fiducia in noi stessi».  Qualche italiano sentendolo sarà pure corso in banca gettando cuore e portafoglio oltre l’ostacolo. È  capitato perfino a qualche ministro. Ma non è accaduto in casa Monti.  Né il professore, né la moglie Elsa Antonioli hanno deciso dopo il drammatico appello del presidente del Consiglio di sottoscrivere un solo Bot.
 
L’amara constatazione arriva proprio dalle dichiarazioni patrimoniali rese pubbliche dai coniugi Monti alle ore 23 di mercoledì scorso, un’ora prima della scadenza dell’ultimatum che lo stesso premier aveva dato a tutti i protagonisti della compagine governativa. Fra le proprietà dirette di Monti e della signora non è indicato il possesso di un solo titolo di Stato italiano. È  possibile naturalmente che Bot e Btp siano in portafoglio delle gestioni patrimoniali che il premier ha affidato a Intesa San Paolo (per 5,3 milioni di euro), a Bnp Paribas (per 4,6 milioni di euro) e a Deutsche Bank (per 1,3 milioni di euro a metà con la moglie) e che la signora Elsa ha affidato a Bnp Paribas (per 1,3 milioni di euro). Ma se titoli di Stato ci sono in quei portafogli, non è per scelta dei due primi coniugi di Italia. Entrambi infatti dichiarano in allegato alla presentazione dei propri patrimoni di possedere «fondi comuni, Etf (fondi indicizzati quotati come le Sicav, ndr), gestioni patrimoniali che investono anche in azioni, a totale discrezione del gestore e senza coinvolgimento del dichiarante». Quindi è una certezza che a casa Monti sia caduto nel vuoto l’appello del presidente del Consiglio del 22 dicembre scorso. E che quindi lui predica, ma non si ascolta.

O forse la situazione era davvero così a rischio, l’ipotesi di difficoltà di rimborso dei titoli di Stato italiani non così remota che Monti stesso non se l’è sentita di coinvolgere il patrimonio personale e il futuro dei suoi figli. Purtroppo la situazione non deve essere nemmeno cambiata troppo, perché Monti è stato protagonista di un secondo appello (questa volta rivolto alle banche e alle istituzioni finanziarie italiane) per l’acquisto di Bot e Btp in tempi assai più recenti: il 7 febbraio scorso. Ma nei giorni successivi non ha dato istruzioni di portafoglio in questo senso ai propri gestori patrimoniali, né ha deciso di impiegare in titoli di Stato italiani almeno una parte della liquidità presente sui conti correnti bancari. Per difendere i soldi di famiglia invece Monti sì è affidato al conto arancio degli olandesi di Ing (quello che offre il 4,20% di interessi), dove insieme alla moglie Elsa ha depositato 127 mila euro. Una somma meno consistente (19 mila euro) è invece presente su un altro conto corrente presso la sede centrale di Milano di Ubi Banco di Brescia: Monti ne è titolare al 50% , ma l’altra metà non è intestata alla moglie. Nella dichiarazione il socio bancario non è indicato, anche se è presumibile possa trattarsi di un figlio del premier.

Se il premier non sin fida di quello che dice agli italiani, nell’esecutivo c’è invece chi lo ha preso in parola. Come il ministro delle Politiche agricole Mario Catania che ha dichiarato di avere investito in titoli di Stato italiani tutti i suoi risparmi: 450 mila euro. O come Piero Gnudi, ministro del Turismo, che è più ricco, ma gran parte del suo patrimonio (1,2 milioni di euro), l’ha investito in Ctz italiani. E Paola Severino, altra ricchissima che però ha consegnato il suo oro alla Patria: 1,6 milioni di euro in Btp. Anche a palazzo Chigi qualcuno ci ha creduto: sia Antonio Malaschini (285 mila euro in Cct e Btp) che Paolo Peluffo (90 mila euro fra Btp e obbligazioni). Come loro hanno seguito il premier che non credeva a se stesso Lorenzo Ornaghi (145 mila euro in Btp), Ezio Moavero Milanesi (100 mila euro di Btp) e l’ammiraglio Giampaolo Di Paola (Bot e Btp per 150 mila euro). Peccato.

di Franco Bechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vincenzo4058

    28 Febbraio 2012 - 18:06

    Sarebbe bello poter vedere e solo vedere anche i nominativi di quanti hanno acquistato BOT, cosè come sapere e solo sapere quanto sia stato il reddito di tanti eccelsi Signori! Non so chi li abbia remunerati e la provenienza di tanta liquidità!!!!! I Sacrifici si chiedono sempre e solo ai Pensionati ed ai lavoratori con 1000 euro al mese; ma si dimentica di essere realmente equi con se stessi, come dimostra il dPR 232/2011 per le categorie elencate nell'art.24 della Legge 448/98! Ciò non significa essere contro uno o l'altro, per me pari sono, visto lo stato in cui versiamo! Certamente non sorta dall'oggi al domani! Non dimentichiamoci gli anni '70/80 quando vigeva l'era dei famosi "Compromessi"! Non vedo differenze politiche, visto che si sono perduti gli ideali di Patria ed Onore!

    Report

    Rispondi

  • rifletto

    24 Febbraio 2012 - 08:08

    Questo modo di vedere le situazioni, nessuno disse nulla(compreso questo giornale) delle frequenze regalate a mediaset e rai, ora si criminalizza Monti per non aver acquistato bot. Ricordo a Bechis che il Prof. ha rinunciato agli emolumenti spettanti al presidente del consiglio(non mi sembra lo abbia fatto alcuno). P.S. Non ho mai creduto nella superiorità della sinistra, ma leggendo alcuni post pubblicati mettono a dura prova le mie convinzioni. Saluti

    Report

    Rispondi

  • stabilri

    23 Febbraio 2012 - 20:08

    Mi spiace, come elettore del centrodestra, sono convinto che continuar ad attaccare Monti sia un grande errore. Ritengo infatti che Monti stia facendo ciò che doveva, e /o speravo facesse, Berlusconi. Ciò che dico è opinione di molte persone che conosco e che come me hanno sempre voatato per il cdx. PS: non abbiamo nulla a che fare con al politica...forse ciò significa qualche cosa...

    Report

    Rispondi

  • Placido Olivieri

    23 Febbraio 2012 - 19:07

    Che cosa ha voluto concludere sig. bechis con queste sue solite insinuazioni e mistificazioni? La sua florida fantasia, che, però, non lambisce i patrimoni del suo vate, pur di muovere stupide critiche ad una figura morale, dignitosa, austera, autorevole, capace e non barzellettiera come quella cui eravamo abituatati, se le inventa tutte. Ma per quanto lei ne possa inventare e dire, non intaccherà mai la personalità del Dott. Monti. Il Presidente Monti ha fatto una cosa mai vista rendendo pubblici i patrimoni dei Ministri e diminuendo i vergognosi stipendi di tanti papponi. Sarebbe bello se lei, uomo libero, democratico, sincero e trasparente, se non proprio domani, almeno dopodomani, pubblicasse il suo reddito e quello di belpietro per dare ai lettori contezza della vostra ricchezza. So che non lo avete mai fatto nè mai lo farete. E sarebbe bello se i giornali vivessero senza contributi pubblici e soltanto con la capacità di quanti in essi scrivono.Penso che il suo chiuderebbe presto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog