Cerca

L'Istat: gli stipendi crescono meno dell'inflazione

Per l'Istituto di Statistica l'aumento dei salari dei dipendenti delle grandi imprese è pari allo0,7% il costo del lavoro cresciuto dello 0,8%

L'Istat: gli stipendi crescono meno dell'inflazione

Secondo i dati pubblicati dall'Istat l'aumento dei salari è inferiore all'inflazione registrata l'anno scorso (al 2,8%) .A dicembre la retribuzione lorda per ora lavorata (al netto della stagionalità) nelle grandi imprese aumenta rispetto al mese precedente dello 0,8%. Lo rende noto l'Istat. In termini tendenziali l'indice grezzo aumenta del 5,3%. Rispetto a dicembre 2010, la retribuzione lorda per dipendente (al netto dei dipendenti in Cig) aumenta dello 0,5% e il costo del lavoro dello 0,6%. Nella media annua del 2011 la retribuzione lorda per dipendente (al netto dei dipendenti in Cig) aumenta, rispetto all'anno precedente, dello 0,7% mentre il costo del lavoro cresce dello 0,8%.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fabio75

    29 Febbraio 2012 - 21:09

    L'INFLAZIONE E' SOLO UNA PICCOLA CONSEGUENZA il peggio deve ancora venire..se volete saperne di piu': M.M.T. modern money theory,oppure sul sito di PAOLO BARNARD in particolare l'articolo IL PIU' GRANDE CRIMINE

    Report

    Rispondi

  • dbell56

    28 Febbraio 2012 - 12:12

    L'Istat, asservita al governo, tra un po' ci dirà che gli stipendi italiani sono i più alti d'Europa. Così Monti avrà la scusa per inventarsi altre imposte e tasse "creative". Ma chi ci crede più all'Istat e alle sue puttanate? Solo chi ha l'anello al naso e la sveglia al collo!!! Se fosse per me, io la chiuderei l'Istat.

    Report

    Rispondi

blog