Cerca

Fisco, ecco le 14 "liste nere": schedano gli evasori

Aumentano gli strumenti contro le irregolarità: dalle ricevute fiscali ai conti correnti: così si stanano i furbetti

Fisco, ecco le 14 "liste nere": schedano gli evasori

Sono 14 le liste nere del fisco. Tra di loro ci sono anche i furbetti dello scontrino. Il decreto fiscale appena entrato in vigore permette di mettere sotto osservazione i commercianti e gli esercenti che per più volte sono stati sorpresi senza rilasciare lo scontrino ai clienti.Ecco alcuni delle liste selettive dei contribuenti da sottoporre ad accertamento pubblicate dal Sole 24 ore.


Automobili
La lista soprannominata AU e contiene i nomi dei contribuenti che in base ai dati del Pra risultano aver immatricolato auto di potenza fiscale superiore o uguale a 21 cavalli fiscali per i quali il reddito ricostruito relativo all'anno dell'immatricolazione e quello precedente risulta superiore di almento il 25% rispetto al reddito dichiarato.


La lista T
Nella lista selettiva T ci saranno i nominativi di persone fisiche per cui, dagli atti registrati disponibili nell'anagrafe tributaria, risultano quote di incrementi patrimonialil, che valorizzati nella misura di un quinto per quote annuali, superano almento il 25% del reddito netto dichiarato.

Spesometro I contribuenti devono dichiarare alle Entrate tutte le operazioni attive e passive rilevanti ai fini dell'iva per cui è obbligatoria l'emissione della fattura, effettuate nei confronti di ciascun cliente e fornitore a prescindere dall'ammontare unitario. Come per i vecchi elenchi clienti e fornitori, oggetto della comunicazione non sono più le singole operazioni ma l'insieme dei rapporti avuto con un soggetto.

Black list- in questa lista arriveranno tutti gli scambi di beni e servizi superiori ai 500 euro nei confronti dei paradisi fiscali

Redditometro Con l'entrata in vigore del nuovo accertamento sintetico e redditometrico - a partire dall'anno d'imposta 2009 - i contribuenti persona fisica da accertare saranno selezionati in base allo scostamento di almeno il 20% tra il reddito dichiarato al fisco e quello che viene ricalcolato con l'applicazione del redditometro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Vinvag

    06 Marzo 2012 - 07:07

    Giusto, ma non presupporre ad esempio un reddito di 21.000 € per mantenere una diesel 1.600 da 110 cavalli. Io mi sono fatti due conti: con 25.000 Km/anno, aggiungendo tutte le spese possibili, dalla manutenzione ordinaria alla straordinaria con regolari tagliandi, bollo, assicurazioni (tutte, tranne la Kasko integrale ma compresa la minikasko), autostrada e parcheggi, gomme estive e invernali, profumatori, lavacristalli, spendo 5.000 €/anno.

    Report

    Rispondi

  • kinowa

    05 Marzo 2012 - 19:07

    Caro amico, hai dimenticato una cosa che l'auto piu che acquistarla e costoso mantenerla. Un esempio, se ad un pensionato al minimo regali una Ferrari, questi non avra nemmeno i soldi per metterla in moto.

    Report

    Rispondi

  • robyv

    05 Marzo 2012 - 12:12

    Qualcuno è in grado di spiegare perché per stabilire se uno è ricco ogni volta si guardano i parametri tecnici dei veicoli che acquista e non il semplice prezzo di listino? Che senso ha tassare un veicolo considerato di lusso quando viene acquistato usato per poche migliaia di Euro e non considerare di lusso un veicolo che costa come un appartamento solo perché i costruttori per aggirare il problema fanno in modo che ufficialmente rientri in una categoria diversa da quella reale? In questi giorni si vede la pubblicità di un SUV Mercedes dove fra i pregi viene pubblicizzato il fatto che non è considerato un veicolo di lusso perché la potenza è inferiore a quella stabilita dalla legge,naturalmente non si menziona il prezzo ma possiamo immaginarlo come possiamo immaginare che con una riprogrammazione della centralina la potenza sarà aumentata subiti dopo l'acquisto. Dubito che i tecnici che hanno creato questo stato di polizia tributaria siano fessi, evitino pertanto di prenderci per tali

    Report

    Rispondi

  • martellone

    05 Marzo 2012 - 12:12

    Chissà se dal salvadanaio -maialino ( black box) uscirà anche il nome di qualche ministro? I presupposti potrebbero anche esserci.

    Report

    Rispondi

blog