Cerca

Pressione fiscale in Italia: le cifre del record del mondo

Dal 1975 la pressione tributaria è passata da 25,4% al 43,4%: nessun altro Paese peggio di noi. Dal 2000 tutti gli altri hanno tagliato

Pressione fiscale in Italia: le cifre del record del mondo
Detto da lui, significa davvero che il limite non è più superabile. In Italia sui lavoratori dipendenti c’è una pressione fiscale «proibitiva». Parola di Vincenzo Visco, ex ministro delle Finanze dei governi di centrosinistra. La pressione fiscale «è aumentata nel 2011 a causa delle misure discrezionali introdotte, nel 2012  e negli anni successivi  supererà il 45%. L’Italia è dunque un Paese ad alta tassazione come risulta anche nei confronti internazionali, inferiore soltanto a quella dei Paesi del Nord Europa. Se si tiene conto che il Pil pro capite italiano è più basso di quello di Francia, Germania e Inghilterra, lo sforzo fiscale nel nostro Paese risulta ancora più elevato. Se si considera infine che l’evasione fiscale in Italia è ben più alta che all’estero, l’incidenza sui contribuenti corretti è chiaramente proibitiva».


Quel «proibitiva» Visco l’ha pronunciato di fronte alla commissione Finanze del Senato guidata da Mario Baldassari, che da mesi (ancora prima che si insediasse Mario Monti) sta svolgendo una indagine conoscitiva sulla riforma fiscale che Giulio Tremonti aveva presentato e ora il nuovo premier vorrebbe correggere. Di fronte alla commissione sono sfilati i migliori cervelli di cui disponga l’Italia del fisco: tributaristi, economisti, direttori di centri studi, dirigenti pubblici del settore, fiscalisti, commercialisti, docenti universitari della materia. Ognuno ha portato tabelle, considerazioni e bozze di soluzioni. Solo nelle ultime settimane sono sfilati oltre al citato Visco l’ex commissario Consob Filippo Cavazzuti, il direttore della Fondazione Rodolfo De Benedetti, Tito Boeri, l’esperta di tassazione familiare dell’Università di Bologna, Chiara Rapallini e il professore Antonio Pedone, ex banchiere, ordinario alla Sapienza. Le analisi sono sostanzialmente tutte identiche: l’Italia sta morendo di tasse, che soffocano l’economia reale, impoveriscono gran parte dei contribuenti onesti, impediscono la ripresa.

Pedone ha portato con sé le incredibili statistiche dell’Ocse (Oecd) che spiegano come dalla riforma tributaria italiana del 1973-’74 in poi «il prelievo tributario complessivo si è accresciuto in Italia più che in qualsiasi altro paese europeo e dell’area Ocse e più che in qualsiasi altro periodo dei 150 di Unità  del Paese». Siamo campioni del mondo di tasse, perfino più che in evasione fiscale. «Dal 1975 ad oggi», ha spiegato Pedone, «la pressione tributaria in Italia è aumentata in misura più che quadrupla rispetto a quella media dei paesi industrializzati dell’area Ocse (18 punti di Pil rispetto a poco più di 4 punti); più del doppio che in Francia e sei volte più che in Germania, per non parlare del Regno Unito e degli Stati Uniti dove, nello stesso periodo, la pressione tributaria complessiva è addirittura diminuita». Non solo: «Nel corso dell’ultimo quindicennio e in particolare dall’avvio dell’Unione monetaria europea, l’Italia è l’unico fra i maggiori Paesi dell’area dell’euro che presenta un incremento della pressione tributaria complessiva (più 1,4 punti di Pil), rispetto a una riduzione di tutti gli altri maggiori Paesi e dell’insieme dei paesi dell’area euro, ma anche della media di tutti i paesi dell’Unione europea (-2,1 punti di Pil)».

Grazie alle manovre di emergenza del 2011, concluse con il salva-Italia di Monti, questo divario «tenderà a persistere e forse ad accentuarsi».  Con una aggravante, ben sottolineata da Cavazzuti: «Nel corso degli anni 1988-2009 le entrate pubbliche hanno quasi sempre e soltanto inseguito la crescita dello stock del debito pubblico». In questo periodo grazie agli spread spesso bassi, è accaduto che si riuscisse a ridurre la spesa per interessi, ma «la spesa primaria dopo il punto minimo dell’anno 2000 è sempre cresciuta». Che cosa è accaduto secondo Cavazzuti? È  stata «operata una cospicua redistribuzione della spesa pubblica dai detentori dei titoli di Stato prevalentemente a favore di tutti coloro che usufruiscono delle mille provvidenze della spesa pubblica. Infatti mentre la spesa per interessi passivi è scesa dal 6,3% al 4,5% del Pil, la spesa al netto di questa è cresciuta dal 41,8% del Pil al 46,7%».

Dunque la vera origine della crescita bassa italiana è nella pressione fiscale intollerabile nei confronti dei ceti produttivi. Che hanno peggiorato la loro condizione e il loro livello di vita in termini nemmeno paragonabili con tutti gli altri paesi competitori. In compenso i mangia-soldi a tradimento dello Stato sono cresciuti. Un quadro così, su cui tutti i tecnici sono concordi, era il presupposto per fare il contrario esatto di quel che ha compiuto fin qui il governo Monti: l’impianto del decreto salva-Italia invece di essere una medicina, aggrava la malattia e il colpo di grazia rischia di arrivare ora dalla firma dell’accordo europeo sul fiscal compact. Perché - come ha calcolato sempre Cavazzuti, con quell’accordo mai avessimo un Pil in crescita costante nominale del 3% (e non è sicuro) e un debito pubblico che non superi i 1900 miliardi di euro in partenza, l’Italia non potrebbe fare altro che stringere ancora di più la cinghia e rispettare il pareggio di bilancio nella speranza che «trascorrano almeno 7 anni affinchè il rapporto debito/Pil scenda appena sotto il 100% e circa 24 anni per raggiungere il 60% del Pil». Altro che spread, qui l’Italia rischia di morire di Montite acuta…
di Franco Bechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • annunziata

    08 Marzo 2012 - 09:09

    se monti vuol mantenere la credibilità deve investire con i soldi dell'evasione-elusione per l0occupazione .

    Report

    Rispondi

  • Adriano Teso

    07 Marzo 2012 - 10:10

    Sono stati pubblicati dati anche ben maggiori sulla pressione fiscale. Ma già il 45%, se è calcolato sul PIL “ stimato, comprensivo di evasione fiscale” diventa un 54% di media su chi le tasse le paga. Se è così, oltre agli evasori, ce ne devono essere veramente tanti che pagano ufficialmente poco o nulla, dato che ci sono piccoli – medi imprenditori, che vivono di azienda , che pagano oltre l’80% . Come ? Oltre il 60% ( media Italia certificata UE 68,8% ) fra Irap e Ires , poi il 20% sul dividendo, che poi spendono pagando il 21% di IVA. e siamo a oltre il 76% . Poi ci sono le oltre 140 tasse e bolli ( dall’IMU alla benzina) . . Vedi anche: Allarme Irap sulle Pmi: tasse anche all'80% - A.Olivieri – Il Sole24 Ore – 10-10-10 http://www.studiliberali.it/uploads/FISCO%2011-09/ALLARME_IRAP_SULLE_PMI.pdf

    Report

    Rispondi

  • orconero

    06 Marzo 2012 - 18:06

    Dimenticate una cosa nell'articolo : tassazione piu' alta del mondo, servizi da terzo mondo, servizi di merda. E se non ci credete prendete un treno pendolari, per esempio.

    Report

    Rispondi

  • duxducis

    06 Marzo 2012 - 18:06

    Concordo e preciso meglio: si tratta di un paese catto-comunista. E ricordiamo che il comunismo era un pretesto per mantenere un'oligarchia di parassiti. L'unica differenza con l'Italia e' che per sostenere il sistema i parassiti iscrivono a nostro nome debiti che noi, i nostri figli, nipoti... dovremo pagare privandoci del frutto del nostro lavoro. Se credete che ci sara' qualcuno che paghera i 50Mila euro a testa (bambini compresi) che ci hanno appioppato sulla capoccia, stiamo freschi. I debiti verranno distribuiti a ciascuno, nello stesso modo in cui ci hanno appioppato l'IMU, l'IRPEF e via dicendo. Questi parassiti di Stato vanno presi e processati intanto che sono in vita e in grado di essere messi ai lavori forzati. L'Italia ha bisogno di eroi che parlino chiaro e dicano la verita' alla gente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog