Cerca

Grecia finirà come l'Argentina Atene verso il default

I creditori non istituzionali non accettano lo swap e il taglio del 70% del debito. Atene va avanti, come Buenos Aires

Grecia finirà come l'Argentina Atene verso il default

Il governo di Atene continua, ovviamente, a mostrare ottimismo. Ma l’epilogo argentino della crisi greca è dietro l’angolo. Se le adesioni dei creditori privati alla sforbiciata di oltre il 70% del valore netto del debito non raggiungerà i livelli attesi, scatterà il taglio unilaterale con conseguente default della Grecia.
Le agenzie di rating hanno già previsto l’eventualità portando il giudizio di merito delle obbligazioni di Atene al gradino più basso della scala. E in qualche modo anche il governo ha ammesso che l’opzione non è così peregrina. «Questa è la nostra migliore offerta», ha detto fuori dai denti il ministro delle Finanze, Evangelos Venizelos, «perché è l’unica offerta esistente». Ma in assenza di un’adesione volontaria, Atene è pronta ad usare le maniere forti, ovvero l’imposizione automatica delle perdite ai creditori con le clausole di azione collettiva. «Con un’adesione quasi universale non sarà necessario» , ha spiegato Venizelos, «Ma queste clausole esistono nel nostro ordinamento, e siamo pronti a mettere in atto i provvedimenti legislativi se necessario».


I tempi sono ormai strettissimi. Il termine per la chiusura della trattativa tra banche e investitori privati finalizzata all’abbattimento di 107 miliardi di euro del debito del Paese scade giovedì. L’accordo prevede un taglio nominale del 53,5%, attraverso l’emissione di nuovi titoli a 30 anni con cedola fra il 3 e il 4,3%. Il vero taglio si aggira dunque sul 70% in quanto i titoli di nuova emissione saranno quotati ampiamente sotto il loro valore. Il governo è convinto che almeno il 75% dei debitori aderirà al contratto di swap. Il quotidiano greco Kathimerini cita funzionari della banca centrale secondo i quali la partecipazione degli investitori avrebbe superato l’80%. Tra le due percentuali la differenza non è di poco conto. Finora, infatti, l’Isda (l’associazione internazionale su swap e derivati) ha escluso l’operazione dai “credit event”, che si verificano in presenza di un default. Ma molti analisti sono convinti che se non aderirà più del 75% dei detentori di bond, che è la soglia al di sotto della quale il governo farà scattare la conversione automatica del debito, la decisione potrebbe essere facilmente rivista. A quel punto si finirebbe dritti dritti in una situazione di tipo argentino, che dopo aver congelato i suoi debiti per 4 anni, offrì uno swap prendere o lasciare con sforbiciate del 70%. E chi, come molti italiani, non aderì sperando di spuntare condizioni migliori è rimasto, ancora oggi, sostanzialmente a bocca asciutta.

Le incognite sul tavolo sono sterminate. L’accordo con i creditori è infatti una precondizione per accedere ai nuovi fondi da 130 miliardi di euro. Soldi che potrebbero anche non bastare. Secondo l'ultimo rapporto compilato dalla troika Ue-Bce-Fmi, citato dal Der Spiegel, la Grecia potrebbe aver bisogno di un terzo piano di aiuti da 50 miliardi nel 2015. Non c’è infatti certezza che Atene possa tornare a rifinanziarsi sui mercati nel 2015. Un sostegno alle speranze del governo greco, che ieri ha anche lanciato un appello ai connazionali per far rientrare i soldi depositati all’estero, è arrivato dai grandi creditori. Dodici grandi istituti e assicurazioni internazionali, tra cui Bnp, Deutsche Bank, Aza, Allianz e anche la nostra Intesa, hanno già fatto sapere che intendono aderire all’offerta. A questo punto, evidentemente, ritengono un buon risultato anche riuscire a portare a casa un 30% del credito.

di Sandro Iacometti
twitter@sandroiacometti

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gasparotto

    07 Marzo 2012 - 09:09

    I creditori retail sbagliano a non aderire allo swap dei titoli greci. Non c'è dubbio che sia stata una scelta azzardata ad acquistare i sirtaki bond e bisogna ammetterlo battendosi il petto. Ora sperare che la Grecia in quelle condizioni di bancarotta totale,possa restituire il valore netto di quanto investito è pura fantasia. Bisogna ficcarsi nel cervello che la Grecia non ha soldi da restituire e per campare va in prestito come fanno i pezzenti. Ora la Grecia in caso di diniego passa al CAC che è in ultima analisi l'adesione forzosa allo swap. In caso di mancata adesione anche in questo caso,i soldi gli investori li rivedranno con il cannocchiale. L'UE è una fregatura,mettiamocelo in testa e basta fare affidamento e credere a gente come Prodi o Ciampi che ci hanno illuso facendoci credere lucciole per lanterne. Ah se non c 'era l'euro continuano a ripetere i molti sacerdoti dell'effimero. Intanto c'è ed i danni che ha prodotto sono sotto gli occhi di tutti. Amen!

    Report

    Rispondi

  • OIGRESINOR

    06 Marzo 2012 - 16:04

    Grecia, Italia, Spagna, Irlanda, Portogallo & Co. circa 140 Milioni di abitanti nell'eurozona ( piu' o meno il 40% degli abitanti ed un 37% del PIL ) ... voglio vedere io cosa sarebbe successo ai famosi Tedeschi Francesi le cui banche sono la base del problema... Il default e' la cosa migliore : anzi senza nemmeno tanti problemi. SOlo la minaccia del default dovrebbe portare i vari FMI, BCE e affini a piu' miti consigli... L'alleanza era da fare tra i vari paesi sotto gioco e ricatto Europeo e la BCE...che non serve a nulla se non a regalare i soldi alle banche

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    06 Marzo 2012 - 15:03

    Il verbo al futuro è una crisi d'ottimismo.

    Report

    Rispondi

  • acstar

    06 Marzo 2012 - 14:02

    Lo vogliamo anche noi il default : guardate l'Argentina ! Adesso và con un pil del 7,5% l'anno! Ma a cosa serve pagare i debiti? A nulla, come dimostrato dall'Argentina!! Forza ragazzi , avanti per il default !!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog