Cerca

Bankitalia, Visco all'Italia: "Bisogna lavorare di più"

Il governatore: "Siamo un Paese anziano, occorre lavorare più a lungo. Bene gli sforzi, ma adesso servono le riforme"

Bankitalia, Visco all'Italia: "Bisogna lavorare di più"

Il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, chiede di "lavorare di più e più a lungo". Visco ammonisce poi sulla necessità di procedere su quello che definisce un "percorso inevitabile" e "da affrontare con determinazione, pure se con la dovuta gradualità". Si parla di crescita economica, una "sfida difficile ma anche decisiva" per l'Italia, dove "il mantenimento stesso del livello di vita richiede che venga innalzata l'intensità del capitale umano e che riprenda a crescere la produttività". Per raggiugnere questi obiettivi, sottolinea il numero uno di Palazzo Koch, è lavorare di più e più a lungo: "Una necessità inderogabile".

"Un Paese anziano" - Secondo Visco il principale problema che affligge l'Italia è il fatto di essere "un paese anziano con molti divari da recuperare", e che deve "affrontare e rimuovere ostacoli importanti per assicurare una crescita con quelle caratteristiche". Anche il governatore di Bankitalia insiste sulla necessità di riformare il mercato del lavoro "con la capacità di accompagnare e non con la volontà di resistere al cambiamento, nelle tecnologie, nelle produzioni, nell'apertura dei mercati, nelle organizzazioni delle imprese". Secondo Visco sono encomiabili gli sforzi del Belpaese "sul piano della stabilità finanziaria", ma in parallelo si rivelano imprescindibili alcune "riforme strutturali" che mirino ad eliminare i divari esistenti e che servano ad ottenere una crescita "intelligente, sostenibile, inclusiva e che sia duratura".

Bassa occupazione - Infine, secondo Visco, le istituzioni devono lavorare per rimuovere le cause della "bassa occupazione in parti importanti del nostro territorio, tra i giovani, tra le donne": l'obiettivo è trasformare quella che è un'attuale debolezza in una grossa opportunità. Il governatore di Bankitalia concude insistendo sulla necessità di eliminare i fattori che stanno alla base di una partecipazione al mercato del lavoro così bassa, "anche se in qualche caso ciò significa contrastare rendite di posizione o interessi particolari".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    10 Marzo 2012 - 18:06

    Uno ad uno i ministri di questo governo tecnico stanno mostrando i propri limiti, e non sono certamente all'altezza del loro compito. La situazione precedente era catastrofica a causa del boicottaggio continuo tra tutti i partiti. Credo sempre di più che siamo caduti dalla padella alla brace. Se l'uomo non vuole capire che il bene comune è dato unicamente dal condividere gioie e dolori e non dall'interesse privato di pochi, non potremo mai salvarci. (vedi banche) Continuando così non arriveremo mai arrivare a dare uguaglianza e dignità agli italiani Chi è ricco diventa sempre più ricco e ovviamente chi è povero diventa sempre più povero.

    Report

    Rispondi

  • AG485151

    08 Marzo 2012 - 18:06

    aspettiamo con ansia di sentirti dire : 1.vendere le cose pubbliche che non c'entrano col fine istituzionale dell'ente che le possiede e con il ricavato azzerare il debito pubblico ma ne avanza - 2.tagliare la spesa pubblica corrente per non ricreare il debito e accumulare riserve da investire - 3.se non sai di che si tratta ti mando un elenco dettagliato.Poi per favore piantala anche tu di fare il solone da strapazzo.

    Report

    Rispondi

  • bellissimo

    08 Marzo 2012 - 12:12

    Qui mi pare di scorgere un'incongruenza. Ci ripetono da sempre di fare più figli,ma come si fa a fare più figli se si lavora sempre e più a lungo ? Solo gli immigrati ci riescono.Mah!

    Report

    Rispondi

  • VermeSantoro

    08 Marzo 2012 - 06:06

    Ma non dire kazzate, pensa ai tuoi benefit miliardari e non rompere i coglioni agli italiani

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog