Cerca

Il venerdì nero delle tasse: versiamo allo Stato 14,6 mld

Irpef, Iva e altre scadenze: un salasso per 5 milioni di piccoli imprenditori. Allarme di Bankitalia: pressione fiscale più alta dal dopoguerra

Il venerdì nero delle tasse: versiamo allo Stato 14,6 mld

Un bel circoletto rosso sul 16 marzo 2012. Giusto per non dimenticare. Dalle tasche dei contribuenti e dai bilanci delle imprese italiane stanno per uscire una valanga di quattrini in direzione dell’Erario.  Il salasso del fisco si abbatte dunque oggi  e tra Iva, trattenute Irpef e tassa sui libri sociali si dovranno versare oltre 14 miliardi nelle casse dello Stato. E se volete trovare un ufficio reclami, basta rivolgersi a palazzo Chigi: sì, perché la responsabilità maggiore della stangata di marzo è  del Governo tecnico guidato dal professore della Bocconi, Mario Monti.

All’orizzonte, peraltro, non si prospetta nulla di buono: grazie alle novità fiscali introdotte proprio con le ultime manovre  saranno, nel dettaglio, i dipendenti e i cittadini a saldare il conto. Così con le nuove addizionali si troveranno con una busta paga più leggera il prossimo 27 marzo; poi dovranno iniziare a preoccuparsi della nuova Imu (c’è tempo fino a giugno). E in prospettiva (neanche troppo lontana) potrebbero dover fronteggiare una nuova mazzata di tutto rispetto: l’aumento di due punti delle aliquote Iva previsto sempre dal Salva-Italia per centrare il pareggio di bilancio.
L’aumento della tassa sui consumi è ormai una realtà. Si tratta solo di aspettare il prossimo autunno. Come dire che di rientro dalle ferie estive, il portafoglio continuerà a essere tartassato. Un’ipotesi che - come ha confermato ieri  anche la Bce - avrà un impatto nel 2012 e determinerà il protrarsi delle pressioni al rialzo dell’inflazione.

Ma torniamo a oggi. I calcoli sul prelievo fiscale li ha fatti la Cgia di Mestre. Secondo gli artigiani di Mestre, nelle casse dello Stato arriveranno, per l’esattezza, 14,6 miliardi di euro, tra ritenute Irpef, Iva e vidimazione dei libri sociali. La maxi scadenza fiscale riguarderà oltre 5 milioni di persone, tra titolari unici di società e piccoli imprenditori. Per questi si aggiungeranno anche i contributi previdenziali per collaboratori e dipendenti. Si tratta, ha sintetizzato  la Cgia, di 4,9 miliardi di ritenute Irpef, relative ai dipendenti, 9,3 miliardi di Iva e 400 milioni di euro di tasse per la vidimazione dei libri sociali, obbligo che spetta alle società di capitali.

Occhio, poi, alle prossime buste paga: c’è da fare i conti con l’addizionale regionale Irpef, sbloccata sempre dal decreto Salva-Italia. Non solo per il 2012, ma anche retroattivamente per il 2011. E a marzo si pagherà l’acconto del 30% per quest’anno. Poi a giugno si dovrà andare in cassa per l’Imu, in alcuni casi più pesante della vecchia Ici dal momento che le aliquote si applicheranno su un base imponibile catastale maggiore: con la manovra di dicembre sono stati infatti rivisti anche i moltiplicatori delle rendite catastali. Insomma, un vero bagno di sangue. E non è finita. Sul versante delle imprese, ha messo il carico Confesercenti. L’associazione dei negozianti ha calcolato che per le pmi, in particolare,  è in arrivo una legnata fino a 5.100 euro annui.

Tutto qui? Non è detto. Resta da capire come verrano reperite le risorse finanziarie per garantire la «paccata di miliardi» promessa dal ministro Elsa Fornero per la riforma del lavoro e degli ammortizzatori sociali. Su questo punto  Giulio Tremonti non ha dubbi. Per  l’ex titolare dell’Economia, il Governo ha solo un’alternativa: aumentare le tasse. Che poi in Italia sono già a livelli record. Al punto che ieri gli esperti di Banca d’Italia, lanciando un vero e proprio allarme rosso,  hanno osservato che «il cuneo fiscale supera in Italia la media degli altri paesi dell’area dell’euro di 5,5 punti percentuali». Non solo.  Nel complesso, le  manovre  del 2011 determinano una correzione pari al 3%  del pil nel 2012 e al 4,7% in media l’anno nel 2013 e nel 2014. Per via Nazionale «l’aggiustamento è prevalentemente realizzato attraverso aumenti di entrate, che porteranno la pressione fiscale ai livelli più elevati dal secondo dopoguerra».   

di Francesco De Dominicis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arch

    20 Marzo 2012 - 13:01

    perchè tre imbecilli (ABC) glielo permettono!!!!

    Report

    Rispondi

  • arch

    20 Marzo 2012 - 13:01

    ...del 25 % sulla già misera pensione. La famiglia sentitamente ringrazia Monti e chi lo sostiene.

    Report

    Rispondi

  • libero

    16 Marzo 2012 - 14:02

    Ponendo il presupposto che una persona percepisca uno stipendio lordo di 84000 euro annui: ecco i conti di quanto ammonta la pressione fiscale,prima della cura Monti. 3300 IRAP; 27700 INPS; 15000 IRPEF; 3700 TFR ; 1300 addizionali ; e da 84000 il reddito si riduce a 33000. Si aggiungano 1500 x ICI e tasse sui cc e il 18 % di iva sui consumi x circa 6000 euro q uesto e' il totale: i 7000 euro mensili in partenza si sono ridotti a 2130 e la tassazione e' quindi pari al 70 %,se la matematica non e' un'opinione ma,grazie al governo dei salvatori della patria, supereremo ceratmente il record mondiale dell' 80% ..e poi parlano di evasione.

    Report

    Rispondi

  • seve

    16 Marzo 2012 - 12:12

    Purtroppo ho molti dubbi che possa funzionare. L'enorme peso fiscale appena farà sentire i suoi morsi sulle famiglie e , ma già è stato fatto , sulle imprese creerà grossi prblemi di tenuta. Il professore è un freddo ragioniere che fa i conti senza tenere conto del fuori mercato . Una azienda che analizza i suoi costi deve anche fare i conti con il mercato , cioè la sua marginalità , non può vendere al prezzo che vuole perchè ha troppi costi o scarsi rendimenti . Non vende più e va in decozione. Penso che sia quello che succederà all'Italia , avvitamento economico per strozzamento da oneri non dovuti . Sul fronte della spesa e della crescita non vedo che si sia fatto e non penso che si faccia niente . Non lo sanno fare . Non sono CAPACI . DA BRAVI PROF .SANNO DIRE MA FRA IL DIRE E IL FARE C'è DI MEZZO IL MARE DI m.................CHE è L'ITALIA DI OGGI.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog