Cerca

Confcommercio: Pil, -1,3% Pressione fiscale da record

L'allarme delle imprese: "I più tassati al mondo, pressione reale al 55%. Consumi, calo pari a 1.023 € per famiglia nel 2012"

Confcommercio: Pil, -1,3% Pressione fiscale da record

Secondo le stime di Confcommercio l'Italia rischia un salto indietro di tre lustri. Un tuffo nel passato di quindici anni: una stima solo lievemente inferiore a quella diffusa da Intesa Sanpaolo nelle scorse settimane, quando l'istituto spiegò che il Belpaese, in quanto a consumi, era ritornato al 1982. Le cifre snocciolate da Confcommercio parlano nella loro evidenza, e prevedono per l'Italia un calo del Pil pari all'1,3% nel 2012.

Consumi ai livelli del 1999 - L'organo rappresentativo delle imprese spiega che "i consumi sono ai livelli del 1998" mentre "il Pil è ai livelli del 1999". Dati che fotografano una situazione preoccupante, stagnante, e sui quali pesano gli strascichi della crisi economica che il governo Monti sta provando a combattere con un piano di riforme tra le quali, per peso, fino ad oggi svetta la manovra di novembre: un concentrato di tasse che ha effetti devastanti sui consumi, come testimoniano le stime sul Prodotto interno lordo dell'anno in corso.

"Tra i peggiori momenti nella storia" - In termini di consumi reali pro capite, secondo Confcommercio, la perdita è pari al 7,4%, una percentuale che tradotta in cifre equivale a 1.023 euro a testa rispetto ai prezzi del 2011. "L'anno in corso rappresenta uno dei momenti peggiori della storia economica italiana come riduzione dei consumi reali", sottolineano i commercianti. Confcommercio sottolinea come si sia arrivati a un calo del 2,7% rispetto al picco negativo che fu toccato nel 1993, quando la flessione fu pari al 3 per cento. In soldoni, il 2012 si prospetta come l'anno peggiore in assoluto sui termini di consumo reale procapite: la riduzione stimata è pari al 3,2% (rispetto al tuffo verso il basso del 3,1% del 1993).

L'Europa ci stacca" - Anche le prospettive, per l'economia italiana, restano negative: il nostro paese continua a perdere terreno rispetto all'Europa. La situazione risulta ancora più lampante nel confronto con gli stati extra-europei. "Nei 13 anni che vanno dal 2000 al 2012 - rimarca Confcommercio - abbiamo perso in termini di Pil reale pro capite, il 9% rispetto alla Germania, l’11% rispetto alla Francia, il 22% e il 18% rispettivamente nei confronti della Spagna e del Regno Unito". E i grafici mostrano un allargamento del divario e una sempre minore soddisfazione dei cittadini, che fa rischiare "una progressiva marginalizzazione politica del paese".

Pressione fiscale record - Ma il campanello d'allarme suonato da Confcommercio al quale gli italiani sono più sensibili resta quello della pressione fiscale, che toccando i massimi storici costringerà il Paese a "sacrifici da record". La pressione fiscale apparente, ossia il rapporto tra il gettito complessivo tributario e contributivo e il prodotto lordo, supererà la quota monstre del 45 per cento. Togliendo dai calcoli del Pil la fetta di sommerso e calcolando dunque la pressione reale, si raggiungerà il 55 per cento: cifre che relegano il nostro paese all'infausto ruolo di maglia nera mondiale in quanto paese più (tar)tassato al globo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bellissimo

    23 Marzo 2012 - 17:05

    Attenzione !! Se le tasse vi mangiano quasi tutto il reddito e non riuscite a sbarcare il lunario, allora siete degli " sfigati ".

    Report

    Rispondi

blog