Cerca

Il talento del governo dei prof Sanno solo aumentare l'Iva

Il ministro dello Sviluppo Passera: "Senza altre entrate scatterà il rialzo". Monti & Co. decisi a tutto solo sulle tasse

Il talento del governo dei prof  Sanno solo aumentare l'Iva

Il ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera, dà un'altra sberla agli italiani durante il suo intervento al Forum di Confcommercio a Cernobbio. "Sarà inevitabile un aumento dell’Iva se non si dovessero trovare altre fonti per reperire le risorse necessarie. Si è dovuto mettere l’Iva da un certo punto dell’anno in avanti" ha spiegato. "Se si trovassero delle altre fonti strutturali per evitare questo - ha aggiunto Passera - sarebbe meglio". "E' quasi automatico, se non troviamo altre forme c'è un impegno di tutti per evitare che questo succeda". Il ministro ha smentito le voci di divisioni interne durante la riunione di ieri: "Noi siamo molto convinti delle proposte al Parlamento, che ha l’ultima parola su tutto, cercheremo di essere molto convincenti". Per il ministro, la riforma del mercato del lavoro "è completa, equilibrata, orientata allo sviluppo" ed è "un pezzo importante" per la crescita che si unisce ad altri pezzi, "mattoncini" che il governo sta componendo.

Crisi - Secondo  il ministro dello Sviluppo economico  “l'emergenza è passata,   ma siamo ancora in mezzo alla crisi”. Nel suo intervento al forum di   Cernobbio. "Veniamo da dieci anni di non crescita”, ha sottolineato Passera, e interventi “piccoli e di breve termine” non bastano per   rimettere in moto l’economia italiana. Il governo è quindi “molto   impegnato sull'economic compact”. Passera ha aggiunto che  “l'austerità fa male nel breve termine, ma è necessaria per creare sviluppo nel tempo”.  Secondo Passera "far scendere lo spread vale a regime quasi 40 miliardi nelle tasche dello Stato e delle imprese". Poi ha aggiunto: "Non credo che siamo destinati nè a crescita zero nè al declino perchè abbiamo leve e la  possibilità di agire su leve che altri non hanno più, ad esempio   l'immigrazione".

Lavoro -  Passera ha anche commentato la riforma del lavoro licenziata ieri dal Consiglio dei Ministri che ora sarà all'esame del Parlamento.  "Ci voleva una riforma equilibrata, che tenesse conto delle esigenze di tutti. Una riforma che dobbiamo adesso completare cercando di creare il massimo del consenso", ha detto. "Il Parlamento - ha concluso il ministro rispondendo a chi gli chiedeva se ci fosse spazio per modifiche - comanda su tutto". Riguardo alle tensione tra i membri del governo Monti per arrivare a definire il testo del disegno di legge sulla riforma del lavoro, Passera ha assicurato che "il Consiglio dei ministri ha approvato tutto con grande convinzione. Noi siamo molto convinti delle proposte portate in Parlamento, che ha l'ultima parola su tutto. Cercheremo di essere molto convincenti".



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • franchito

    25 Marzo 2012 - 11:11

    Questi tecnici ci stanno rovinando. Collusi con il potere politico e banche. Finora solo tasse sui lavoratori ma di toccare il magna magna politico e finanziario niente di niente. Lo sanno anche i polli che per far partire l'economia l'iva la si abbassa. Siamo nelle mani di dilettanti purtroppo!!!!

    Report

    Rispondi

  • uliclin

    25 Marzo 2012 - 09:09

    i tagli alle spese per la casta inutile sono ineludibili! Si mandino a casa 2/3 dei parlamentari, si riducano di 1/4 le spese del quirinale (pareggiandolo a quelle della regina di inghilterra), si metta il tetto di 150mila € agli stipendi dei manager pubblici e si adottino stesse regole per pensioni casta (uguali a quelle di tutti i cittadini), per iniziare e non pensare sempre a spremere gli italiani con ulteriori tasse!

    Report

    Rispondi

  • Cosean

    25 Marzo 2012 - 00:12

    pensa che invece gli alunni stavano facendo andare in default l'Italia per non aumentare l'iva!

    Report

    Rispondi

  • AG485151

    24 Marzo 2012 - 21:09

    mi duole che non posso usare i dovuti toni pesanti , data la sede. MA I SOLDI LI TROVA CON: privatizzazioni , tagli alla spesa pubblica ( quella corrente ), smobilizzo del patrimonio pubblico , eliminazione dei finanziamenti pubblici , semplificazione della struttura politico-amministrativa ( ministeri , regioni , province , comuni , enti vari ,...).HA CAPITO O NO ?Non con gli aumenti delle tasse.E siccome dicono che è un economista senta : questi provvedimenti hanno effetto sul lungo termine ( 10 anni ).Quindi se li prende vedrà che lo spread cala sotto zero appena gli investitori vedono che il rimborso tra 10 anni è super garantito. SE NON HA CAPITO, non si faccia scrupolo , POSSO SPIEGARE CON MAGGIOR DETTAGLIO.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog