Cerca

Spunta la legge che ti difende se non paghi la rata del mutuo

Approvato un disegno di legge che tutela il debitore meritevole: chi è in bancarotta dopo licenziamento, divorzio o malattia

Spunta la legge che ti difende se non paghi la rata del mutuo

E' la prima volta che succede: il consiglio dei ministri ha approvato un disegno di legge che regola il caso di bancarotta individuale. Il debitore meritevole che abbia acceso un mutuo o un prestito in linea con il suo reddito del momento, non sarà più un pignorato a vita, sottolinea la Repubblica. Il disegno di legge che modifica la legge sull'usura de gennaio 2012 tutela i creditori speciali come un'ex moeglie che riceve gli alimenti e non autorizza la cancellazione dei debiti verso lo  Stato, ma consente la rateizzazione. Il disegno di legge prevede una prima ciambella di salvataggio per il consumatore schiacciato dai debiti: la composizione. Con l'assistenza gratuita degli organismi di composizione della crisi, il debitore può fare un piano di rientro in cui può spiegare realisticamente quanto può restituire e in che tempi. Questo piano sarà esaminato poi dal giudice.  A questo punto il giudice potrà omologare il piano e imporlo ai creditori. A questo punto i beni del debitore non possono più essere pignorati. L'alternativa è quella del debitore che possiede dei beni e sceglie di consegnarli a un liquidatore che provvede a metterlo in vendita. La liquidazione non comporterà costi aggiuntivi per il debitore. Ovviamente l'aiuto arriva solo per quei debitori meritevoli, che abbiano contratto debiti ragionevoli rispetto al reddito del momento. Insomma, il principio che ispira la riforma è: non si aiutano i furbi, ma non si possono condannare a vita chi ha comprato un televisore quando aveva un lavoro regolare. Il giudice nell'esprimere il suo giudizio su chi si ritrova in rosso, tiene conto anche di circostanze speciali come un divorzio, un licenziamento, una malattia.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roby.mero

    27 Marzo 2012 - 14:02

    Non c'e' uno che paga un debito piu meritevole dell'altro questa somma che ti fa la differenza e' discriminatoria ,ogniuno ha i suoi problemi non si puo' uniformare ogniuno la liberta' dell'individualita' e' sacrosanta e' come dire l'acqua e' un bene di tutti ma c'e' qualcuno che viene a regolare il flusso che prendi ogni giorno ,e te la fa pure pagare .Il mondo e' uno solo e la terra e' tonda che io sappia quindi i soldi servono per le necessita' che conosciamo tutti ma e' il nostro sistema che va tutelato ,non si ragiona solo in termini economici le persone hanno il diritto di vivere in serenita' chi ha piu problemi di un'altro deve avere uguaglianza di diritti ,certo se mi parlate di reati gravi ovvio si sa la procedura ,ma chi controlla il controllore??? e cosi via chi e' piu sapiente degli altri????? quindi imprimis difendere il diritto dell'individuo .

    Report

    Rispondi

blog