Cerca

Fisco, non è mai abbastanza "Andremo avanti con i blitz"

Befera: "I controlli continuano. Noi non disturbiamo i contribuenti onesti. Spiace ciò che è successo a Bologna"

Fisco, non è mai abbastanza "Andremo avanti con i blitz"

Il blitz antievasione condotti dall’Agenzia delle Entrate e dalla Guardia di Finanza continueranno in maniera "ordinaria". Il direttore dell'Agenzia delle Entrate, Attilio Befera, non ha alcuna intenzione di accantonare il regime di terrore fiscale instaurato dalle Entrate, e lo ha spiegato chiaro e tondo a margine della conferenza stampa in cui sono stati presentati i risultati dell'attività 2011 e delle prospettive per il 2012. "Non sono azioni speciali e sono comunque in numero inferiore a querlle della Guardia di Finanza - ha aggiunto -, continueranno come attività ordinaria".

"Dispiaciuti per Bologna" - In Italia, intanto, c'è chi di tasse muore e chi si dà fuoco davanti ad Equitalia. "Siamo estremamente dispiaciuti per quanto è accaduto a Bologna, seguiremo direttamente questa situazione", ha commentato Befera riferendosi al contribuento che si è dato fuoco davanti alla sede dell'Agenzia delle Entrate di Bologna. "In situazioni di difficoltà economica e crisi finanziaria - ha spiegato Befera - purtroppo episodi di questo genere possono accadere". Befera ha poi augurato al contribuente in fin di vita di "rimettersi".

"Non disturbiamo gli onesti" - L’Agenzia delle Entrate, ha proseguito Befera, punta ad ottenere "migliori" risultati nell’azione di lotta all’evasione nel 2012 rispetto alla performance già positiva registrata lo scorso anno. "Contiamo nel 2012 di avere ulteriori risultati positivi - ha spiegato - ma contiamo anche di avere una migliore tax compliance, quindi un miglioramento in sede di dichiarazione dei redditi". I risultati positivi nell’ambito della lotta all’evasione a fronte di una diminuzione dei controlli dimostrano che "disturbiamo meno i contribuenti onesti", ha aggiunto Befera, dimenticandosi però del fatto che, per ora, a questi contribuenti sono stati chiesti solo mostruosi sacrifici a fronte della promessa continuamente disatessa di far calare la pressione fiscale, che in Italia è a livelli da incubo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • uliclin

    30 Marzo 2012 - 07:07

    E' difficile che gli venga in mente di darsi fuoco, come farebbe a spendere gli oltre 50mila euro mensili che si ingozza dallo stato.

    Report

    Rispondi

  • betzero

    30 Marzo 2012 - 03:03

    Befera e Monti stanno facendo quello che ha fatto quel tipo che per fare un dispetto alla moglie se l'è tagliata... Come per i tabacchi, la benzina ed altre cose, finirà che per rincorrere quei 13 mld ne perderanno 30 di getto corrente perchè si contrarranno i consumi ed il lavoro. Monti, per la sua pavidità e le sue mire di carriera in Europa, ha deciso di sguinzagliare i cani contro gli indifesi anzichè ridurre le tasse. Perchè, i voraci lupi che vivono di soldi pubblici, lo avrebbero sbranato. Così, in un sol colpo, è riuscito nell'opera di demolizione dell'edilizia, della cantieristica, del commercio, dell'auto e del settore manifatturiero. Complimenti!!! Una peste bubbonica avrebbe certamento fatto meno danni. Dio ci salvi dai cretini e dai secchioni privi di senso pratico e......senza scrupoli!

    Report

    Rispondi

  • luciorivo64

    29 Marzo 2012 - 22:10

    MI ricorda tanto quel generale tedesco....insieme ad adolf hitler....come si chiamava......Goethhe Amon che dall'alto della sua villa, si divertiva a sparare sui poveri ebrei nel campo di concentramento sottostante.....Befera adesso hai rotto i cogl. Guardati attorno....e cerca di fare quello che non sei....una persona seria..... DOPPIOLAVORISTA::::::::

    Report

    Rispondi

  • paolospyder

    29 Marzo 2012 - 21:09

    ,,che per portarsi a casa i 750 000 euro deve prenderli a chi lavora.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog