Cerca

L'Europa boccia Monti: un'altra manovra a fine anno

Un documento della Commissioen Ue: nuova stangata a fine anno. Il governo smentisce ma il testo esiste

L'Europa boccia Monti: un'altra manovra a fine anno

Oltre 100 miliardi di euro in meno di  due anni potrebbero non essere bastati. Per evitare il botto o, se volete, per evitare di finire come la Grecia, l’Italia potrebbe essere sottoposta all’ennesima cura da cavallo. Un’altra manovra finanziaria, insomma, secondo l’Unione europea, sarebbe indispensabile per tenere in piedi le finanze pubbliche italiane e centrare il pareggio di bilancio nel 2013. La recessione, dice Bruxelles, corre il rischio di sterilizzare, in parte, le misure già varate dal Governo  di Mario Monti. Come dire che la sobrietà dei professori della Bocconi di stanza a palazzo Chigi ci costerà un altro salasso. Che potrebbe andare ad aggiungersi all’Imu-Ici, alla tagliola sulle pensioni, all’aumento della benzina, al giro di vite sulle addizionali irpef.
I suggerimenti della Commissione Ue sono stati riportati ieri dal Financial Times. Il quotidiano britannico ha citato un documento riservato Ue. Non ci sono dettagli sulle cifre o sull’entità di eventuali, nuovi interventi sui conti dello Stato. Tuttavia, l’indicazione di Bruxelles  appare piuttosto netta. E le smentite di Roma («non c’è bisogno di altre manovre correttive per far fronte alla crisi») sono apparse un po’ deboli. Del resto, il rapporto dell’Unione europea,  circolato all’ultimo vertice di Copenhagen, esiste davvero.  La Commissione non ha fatto dietrofront, parlando di un documento «a uso interno non dato ai ministri».

I guai di Mario Sta di fatto che le indiscrezioni apparse sul giornale della City ha creato un bel guaio a Monti.  Da Bruxelles il portavoce del commissario Olli Rehn ha spiegato: «Non posso confermare la presunta fuga di notizie né lo status e l’autenticità del rapporto». Poi ha sottolinea di non voler speculare su quanto potrebbe accadere in futuro in un clima caratterizzato da «incertezze che pesano su tutta l’Eurozona e, con gradi diversi, sui singoli Paesi».
A bilanciare un po’ la partita ha pensato il direttore generale del Fondo monetario internazionale. Per Christine Lagarde, una «corsa indifferenziata all’austerità si mostrerà controproducente». Parole, quelle del numero uno Fmi, che pur mettendo in luce gli effetti pericolosi di eventuali interventi, non li escludono categoricamente.  Una brutta pagina per il premier: la sua azione in qualche modo viene messa in discussione dalle istituzioni comunitarie. Così in soccorso di Monti sono scesi in campo sia Corrado Passera sia Elsa Fornero. «Con l’austerità - ha detto il superministro - non si cresce, al contrario, dobbiamo mettere in moto tutte quelle operazioni per fare in modo che dopo aver messo in ordine i conti ci sia anche crescita». E la titolare del Welfare ha  rincarato: «Non parlerei di nuove misure di austerity, spero che ora il nostro Paese possa avere misure per la crescita». 

Le classiche dichiarazioni di circostanza, un po’ vuote. Di sicuro, le considerazioni del Governo non sono entrate nel merito delle osservazioni di Bruxelles. La cui  analisi è assai articolata.  Secondo il dossier elaborato dalla Commissione, Roma da maggio 2010 ha varato misure «davvero notevoli» per consolidare il bilancio, pari a più di 100 miliardi ed equivalente al 7% del Pil. Tutto questo le ha permesso «di riguadagnarsi la fiducia dei mercati ed ora è in rotta verso l'obiettivo del pareggio di bilancio nel 2013, dopo aver segnato un deficit pari al 3,9% del Pil nel 2011». Ma, prosegue il rapporto citato dal quotidiano londinese, «gli sforzi dell’Italia per raggiungere gli obiettivi di bilancio potrebbero essere messi a rischio da prospettive deprimenti per quanto riguarda la crescita e da tassi d’interesse relativamente alti». Quindi «l’Esecutivo  dovrebbe essere pronto a evitare ogni ritardo nell’esecuzione delle misure e intraprendere ulteriori azioni se necessario».  Per capire in quale direzione intende andare Monti non resta che attendere pochi giorni. Sul tavolo del consiglio dei ministri approderà l’annunciata riforma fiscale. Il Governo ha detto a più riprese che si tratterà - quasi interamente - di una riforma a saldo zero sia per il nuovo catasto sia per le imposte sui redditi. Ma la previsione  di Monti appare fondata più su eventi sperati che su stime attendibili.
di Francesco De Dominicis
twitter@DeDominicisF

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Phidry Hiellie

    09 Aprile 2012 - 17:05

    .....ecco quello che siamo, poichè con la benzina a 2 euro, adesso...), l'iva al 23, ed in piena recessione, nessuna economia è in grado di partire, si partire all' estero, nessuno e pazzo di mettere soldi qui. Perciò caro italiano, non stupirti più, per adesso abituati a una mega stangata ad ogni sei mesi per quest'anno, e dall' anno prossimo una mega stangata ogni tre mesi (con un bichiere d'acqua, secondo la cura monti) e come da previsione la stagnazione totale con paralisi a fine 2013. E cosi si conclude la gradiosa opera magna magna del grade prof bocconiano.

    Report

    Rispondi

  • Maculani

    05 Aprile 2012 - 09:09

    Nelle corse di auto non sono alla fine i tecnici a fare la differenza, ma il pilota che ha il polso reale della situazione in pista. Monti è un tecnico ma non sa nulla della vita reale è quindi un cultore dei box ma uno scadentissimo pilota. Diamo in mano le redini del nostro paese ad una persona comune e vedrete che le cose torneranno a girare, questi non sanno neanche dove si compra un rotolo di carta igienica.

    Report

    Rispondi

  • AG485151

    04 Aprile 2012 - 21:09

    1 - si vende il patrimonio pubblico      ho letto in proposito che il debito lo azzeriamo e ne avanza      lo spread andrebbe anche a meno di zero      perchè gli investitori non vedrebbero alcun rischio che fra       10 anni lo stato italiano possa non rimborsare       2 - si riducono alla media europea      parlamento      ministeri      regioni      regioni autonome      province      municipi      scuola e università      pubblica sicurezza      forze armate      enti e authorities ( comunità montane , privacy , prezzi , .... )               si azzerano i finanziamenti pubblici in ogni forma      industria      partiti      giornali      cinema      teatro      sindacati      fondi perduti vari      fanfare e sagre          si eliminano i privilegi pubblici      carriere automatiche      benefits in corso di lavoro      benefits dopo il lavoro      scorte      auto blu       3 - si privatizzano      municipalizzate      gestioni varie ( parchi , musei , .... )      aziende di stato

    Report

    Rispondi

  • marcopensa

    04 Aprile 2012 - 17:05

    .......... incompetente di un bancario

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog