Cerca

Super cerca studenti-lavoratori In un mese 5mila richieste

Il gruppo Pam li vuole per lavorare la domenica nei suoi 130 punti vendita. La paga? Tra i 300 e i 400 euro al mese

Super cerca studenti-lavoratori In un mese 5mila richieste

Il gruppo della grande distribuzione Pam ha trovato la soluzione per tenere aperti i suoi punti vendita nelle giornate di domenica, superando così il malumore dei dipendenti "regolari", poco inclini a lavorare anche nella giornata festiva. Un mese fa, nei 130 punti vendita, sono comparsi annunci che recitano: "Sei studente? Lavora con noi la domenica". In un mese, la risposta è stata a dir poco entusiasta, con la bellezza di circa 5mila richieste giunte all'ufficio risorse umane. Le mansioni sono quelle di cassiere o più generalemnte di "addetto al punto vendita" e la paga, in un mese che conti quattro domeniche, sta tra i 300 e i 400 euro al mese. Il gruppo Pam (l'acronimo sta per "più a meno") è controllato da tre famiglie venete (i Bastianello, i Dina, i Giol), è stato fondato nel 1958 e raccoglie le insegne Panorama, In's, Brek, olttre che Pam. Il giro d'affari è valutato in circa 2,5 miliardi di euro l'anno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • FabriD

    14 Aprile 2012 - 03:03

    Bella iniziativa. Direi che sia il caso di togliere dall'elenco delle persone che "quel lavoro lì nn lo volgiono più fare " , ricordate vero che solfa ???? i 5000 ragazzi di cui sopra .... che a quanto pare anche se nn verranno assunti , per ora al MIT , al CERN o alla NASA ... sono disposti ugualmente a lavorare !!! ah magari se dopo aprisse pure qualche industria in cui poter lavorare ... rischierebbero pure di annoiarsi volentieri in un posto fisso !!!! Chissà poi cosa ne pensano loro ... dei bei discorsi di mamma (di prole ben piazzata !!!) sulla riSforma del lavoro ?????

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    12 Aprile 2012 - 14:02

    Penso sia un'ottima idea, per gli studenti Universitari. Però scommetto che la Camusso con il sostegno di Re Giorgio boccerà la cosa. Del resto la rovina dell'Italia è già iniziata col saccente Monti d'Azzate e proseguirà con la onnipotente sbrana'azzi Camusso. Un Italia povera sarà finalmente il regno di falce e carrello. Asvedommia

    Report

    Rispondi

blog