Cerca

Ecco la tassa sulle calamità: benzina più cara di 50 cent

L'ipotesi si trova all'interno della riforma della Protezione Civile. Codacons: "E' un provvedimento folle. 73 euro a famiglia"

Ecco la tassa sulle calamità: benzina più cara di 50 cent
La riforma in via preliminare della Protezione civile, approvata dal Cdm, nasconde dentro di sè un'ulteriore beffa per i consumatori. Infatti, nel testo è scritto che, in casi emergenziali, è possibile un aumento di 5 centesimi dell'accisa sui carburanti. "Nel momento della dichiarazione dello stato di emergenza si provvede al fabbisogno finanziario utilizzando le risorse del fondo nazionale di protezione civile. Qualora sia utilizzato anche il fondo spese impreviste, lo stesso è immediatamente e obbligatoriamente reintegrato con risorse ordinarie e/o con le maggiori entrate derivanti dall’aumento dell’accisa sui carburanti, stabilita dal Consiglio dei ministri in misura non superiore a cinque centesimi per litro". Inoltre, al momento della dichiarazione dello stato di emergenza, le Regioni avranno "facoltà di elevare l’imposta regionale sulla benzina di loro competenza sino al massimo di cinque centesimi per litro".

"Provvedimento folle" - Il Codacons lancia l'allarme, dopo la decisione di inserire nella riforma della Protezione civile una clausola che permette di aumentare la benzina di 5 centesimi al litro in situazioni emergenziali. "L'aumento ipotizzato dal Consiglio dei ministri  per finanziare la Protezione Civile, determinerebbe un aggravio di spesa pari ad almeno 73 euro annui ad automobilista solo di costi diretti. "Un simile provvedimento sarebbe semplicemente folle - afferma   il Presidente Carlo Rienzi - Disporre per legge il rincaro dei listini  alla pompa, quando i prezzi hanno raggiunto livelli record che sfiorano i 2 euro al litro, e dopo una successione incredibile di nuove accise introdotte per finanziare qualsiasi cosa, avrebbe effetti  disastrosi sui prezzi al dettaglio in tutti i settori, sui consumi   delle famiglie e sulle tasche degli automobilisti, categoria sempre più spremuta come un limone".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • robertof

    16 Aprile 2012 - 10:10

    possibile che nessuno NESSUNO prenda l'iniziativa di fermarli.

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    16 Aprile 2012 - 09:09

    E' inutile...se non si decide seriamente la possibilita' di un COLPO DI STATO e la fucilazione per i maiali di Palazzo Chigi,la situazione sara' destinata a peggiorare sempre di piu'...

    Report

    Rispondi

  • carlozani

    16 Aprile 2012 - 09:09

    Invece di togliere qualche accise superMario ne aggiunge un'altra.Il prof dovrebbe spiegarci perchè dobbiamo pagare per il Vajont quando ci sono state delle gravi responsabilità da parte dei tecnici che non hanno ascoltato la gente del luogo e che evidentemente hanno commesso errori anche se la magistratura li ha assolti tanto si sa che quando si tirano in ballo grossi personaggi tutto finiscein una bolla di sapone.Perchè far pagare i cittadini la colpa delle amministrazioni comunali che danno il permesso di costrtuire sugli argini dei fiumi su terreni franosi?Quel professorino non si vergogna.? Carlo Zani

    Report

    Rispondi

  • Ade

    15 Aprile 2012 - 16:04

    Tutti si indignano, tutti dicono stronzate, eppure nessuno fa niente. Se il popolo si muove, non sarà solo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog