Cerca

Ecco la rivoluzione del catasto: leggi tutte le novità

Valore immobili determinato dai mq e non dai vani. In città la valutazione sarà fatta tramite i valori medi di mercato

Ecco la rivoluzione del catasto: leggi tutte le novità

 

La revisione del catasto contenuta nella delega fiscale approvata dal consiglio dei ministri ha come obiettivo una maggiore "equità e razionalità del sistema". E' quanto si legge in un comunicato di Palazzo Chigi. La revisione del catasto dei fabbricati "sarà attuata in collaborazione con i Comuni e l’Agenzia del territorio, con l’obiettivo di attribuire a ciascuna unità immobiliare il relativo valore patrimoniale e la rendita. Con la riforma si vuole ridefinire i fabbricati in base non solo a valori ma anche a criteri più aggiornati: localizzazione, qualità dell’immobile e superficie in metri quadri". La novità più significativa della riforma del catasto sta nel fatto che il valore dei fabbricati sarà determinato dai metri quadri (e non dai vani), dalla localizzazione e dalla qualità dell'immobile. In città la valutazione sarà fatta tramite i valori medi di mercato degli ultimi tre anni. Sono inoltre previsti meccanismi di adeguamento periodico dei valori e delle rendite delle case.

Le novità - Con la riforma, spiega l'esecutivo, si vuole ridefinire i fabbricati in base non solo a valori ma anche a criteri più aggiornati: localizzazione, qualità dell’immobile e superficie in metri quadri. Per le unità immobiliari urbane saranno applicati i seguenti principi e criteri direttivi: riferimento ai rispettivi valori medi ordinari espressi dal mercato in un arco temporale triennale antecedente alla nuova determinazione; definizione degli ambiti territoriali del mercato immobiliare; rideterminazione delle destinazioni d’uso catastali ordinarie e speciali; determinazione del valore patrimoniale medio ordinario. La rendita media ordinaria per le  unità immobiliari sarà valutata attraverso l’analisi delle   statistiche sui valori di mercato; inoltre sono previsti meccanismi di adeguamento periodico dei valori e delle rendite delle unità immobiliari.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • metallurgico

    20 Aprile 2012 - 22:10

    il catasto e' uno strumento legato agli immobili e gli immobili sono legati all'edilizia pertanto se avviene una rivoluzione nel catasto quindi a monte della piramide e' palese che la stessa si riperquote sul mercato immobiliare, non ci vuole una laurea alla bocconi per capire questa elementare reazione scatenata da una azione.Pertanto se poi ci sara' un blocco dell'edilizia e una perdita di valore del mercato immobiliare che sara' superiore di gran lunga ai benefici programmati, non ci vegano a dire che forse hanno sbagliato perche' a quel punto si meriterebbero solo di essere presi a calci nel cul...

    Report

    Rispondi

  • libero

    17 Aprile 2012 - 19:07

    aggiungi anche questo: uma volta stabilito d'ufficio il valore del bene,se al prezzo indicato,non siara' possibile venderlo,ma svenderlo ad un prezzo inferiore,quasi certamente,visto l'andazzo del fisco italiano,gli uffici addetti,non accetteranno il prezzo di vendita dichiarato ed il venditore,gia' gabbato dalla discesa del mercato,si vedra' appioppato il pagamento della differenza ''accertata'' dall'erario percio' l'opzione sara pagare e pagare ugualmente e fare ricorso,con costi aggiuntivi,senza risolvere nulla e certamente pagare sovratasse e ammenicoli vari. Anche questa situazione,fa parte della peste italiana,definita cosi' giustamente da Pannella.'

    Report

    Rispondi

  • rally11

    17 Aprile 2012 - 18:06

    cacciamolo via,muoviamoci..cosa aspettiamo per organizzare una pacifica per mandaremanifestazione via questo pazzo scatenetato e quelli del triunvirato?

    Report

    Rispondi

  • Angeli1951

    17 Aprile 2012 - 18:06

    Lo sono dementi o fingono? I valori a prezzo di mercato quali saranno per gli immobili che non trovano acquirenti se non svenduti ad un decimo o meno del loro valore? Il valore medio di mercato lo stabilirà un cretino alla scrivania o un politicante? Sarà obbligato chi deciderà i valori ad acquistare di propria tasca quanto ha valutato? Già il furto sugli immobili, salvando vaticano, banche e palazzinari, è una cosa indecente ed infame, a cosa mirano questi lacchè nominati al governo? Al furto delle proprietà dei sudditi da parte delle cosche partitiche che intascano spudoratamente soldi estorti ai produttori?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog