Cerca

Editoriale

Anche la Ue certifica il falliMonti

A un anno del debutto, i tecnici ci consegnano un Paese che sta peggio di primo. Non lo dice "un giornale ostile", ma l'Ue che l'aveva insediato. Prepariamoci ad altre manovre lacrime e sangue

8 Novembre 2012

10

di Maurizio Belpietro

Tra poco più di una settimana il governo Monti compirà un anno di vita, però quello del 16 novembre non sarà un compleanno da festeggiare con brindisi e allegria, ma piuttosto da celebrare con mestizia. Infatti, checché ne dica la stampa amica e nonostante la tranquillità ostentata in ogni occasione pubblica dal presidente del Consiglio, la realtà è che stiamo peggio di prima. In dodici mesi non c’è un dato che sia migliorato, ma al contrario la gran parte è peggiorata. E a sostenerlo non siamo noi, che nei confronti dell’attuale esecutivo siamo stati critici fin dagli esordi, non condividendo la politica di inasprimento fiscale a carico dei contribuenti onesti. A dirlo è la stessa Unione europea, ossia quegli alti papaveri di Bruxelles che hanno sempre fatto il tifo per l’ex rettore della Bocconi, al punto d’averlo imposto con una specie di colpo di mano sulla sedia che fu di Silvio Berlusconi.

 

Ma cosa asseriscono ora gli euro burocrati? Che il nostro Paese è in profonda recessione,  dalla quale non si sa quando uscirà  e che la disoccupazione, nonostante abbia già raggiunto i picchi massimi degli ultimi vent’anni, continuerà a salire fino al 2014. I dati fanno parte delle previsioni d’autunno della Commissione europea e a leggerli uno in fila all’altro danno la misura del fallimento dei tecnici. Ai quali è riuscita con successo una sola operazione: quella di far parlare bene di se stessi. La buona stampa riserva ai professori sperticate lodi, bevendosi qualsiasi cosa questi dicano. Perfino l’annuncio che la pubblica amministrazione salderà i suoi debiti in trenta giorni, massimo due mesi, è stato preso per oro colato. Non importa che l’obbligo di pagare sia già fissato per legge fino dal 2002 e che lo Stato non paghi non per cattiva volontà degli impiegati pubblici, ma in quanto le casse sono vuote. Ciò che conta è far credere che adesso, grazie a quei brav’uomini dei professori, tutto è sistemato e fila liscio come l’olio, debito compreso.

 

Tuttavia, a dispetto del battage promozionale di cui gode l’attuale governo, il bollettino di guerra diffuso  dall’Unione europea lascia poche speranze. In maggio la commissione aveva previsto per il prossimo anno un aumento del Pil dello 0,4 per cento, in realtà ora, messe da parte le speranze, certifica che nel 2013 ci sarà una riduzione dello 0,5. L’economia insomma non ripartirà  neppure nei prossimi dodici mesi. A dicembre chiuderemo i conti con un rapporto tra debito e prodotto interno lordo che sfiorerà il 3 per cento, e nel prossimo anno, nonostante le manovre e l’impegno a pareggiare il bilancio, si assesterà al due per cento. I dati sulla disoccupazione sono ancora più disastrosi: dal 10,6 per cento di quest’anno (per la prima volta si è raggiunta una percentuale a due cifre) si passerà all’11,5 nel 2013 e quasi al 12 nel 2014. 

 

La gragnola di brutti colpi destinata ad abbattersi sull’Italia non è finita. Bruxelles stima che il debito pubblico raggiungerà l’anno prossimo il picco massimo, con un rapporto sul Pil del 127,6 per cento. Per consolarci possiamo dire che non siamo i soli ad andare male e che nel suo complesso è sull’intera area euro che si addensano previsioni nerissime. Ma la consolazione, a quanto pare, non basterà a salvarci dalla manovra prossima ventura che i contribuenti dovranno sopportare. Avendo fatto cilecca con la prima, è quasi certo che il governo Monti dovrà riprovarci con una seconda, la quale si sommerà alla «manovrina» fatta passare con la legge di stabilità come una riduzione delle aliquote Irpef, quando al contrario si è trattato di un inasprimento dell’Iva e una cancellazione delle detrazioni fiscali con effetto retroattivo. Non è ancora chiaro quando la prossima stangata giungerà, ma il fatto che sia destinata ad arrivare non è in discussione. Anche perché, dopo l’iniziale entusiasmo per Frigidaire Monti, adesso a Bruxelles cominciano a dare leggeri segnali di nervosismo. Messe da parte le frasi ossequiose, il vicepresidente della Ue Olli Rehn, commentando le previsioni di autunno, ha detto che il rallentamento del piano di riduzione del debito pubblico italiano rispetto a quanto previsto nel programma di stabilità dello scorso aprile è fonte di preoccupazione.

 

Sarà per questo che gli analisti delle varie case d’investimento, anche di quelle più prudenti, ora cominciano a scrivere che nei prossimi mesi l’Italia sarà costretta a chiedere gli aiuti europei. Sta di fatto che alla storia della medicina amara ma necessaria iniziano a crederci in pochi. È passato un anno da quando ci hanno chiesto sacrifici in nome del bene supremo e ora ce ne chiederanno altri per riparare al male fatto nell’interesse supremo. Cosa serve ancora per capire che non è il corpo che non reagisce come si vorrebbe, ma è la cura ad essere sbagliata? E quanti altri compleanni ci costringeranno a festeggiare come se fossimo ad un funerale?  

 

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tacos

    10 Novembre 2012 - 10:10

    Tassare con pesantezza in un momento di crisi oltre che miope è da irresponsabili, chi riaprirà le aziende chiuse per carenza di consumi? Chi provvederà al sostentamento di centinaia di migliaia di famiglie senza reddito o in cassa integrazione (quando va bene)?. Con quale criterio si riducono i consumi con l'autorità delle imposizioni fiscali senza provvedere alla crescita? Il debito sta aumentando per questa politica assurda, la recessione si avvita senza fine, la disoccupazione in forte aumento, l'inflazione aumenta e i lor signori non adeguano con la indicizzazione le pensioni, però permettono a tutti di applicarla sui prezzi al consumo e agli affitti. Quanti altri danni dovranno ancora fare? Solo Casini e qualche compare di cannoli plaude. Senza crescita finiremo malissimo, non serve il rimbrotto della UE. Questo Signore è riuscito a peggiorare la situazione del novembre 2011. Il Prof. dovrebbe passare la mano e affidare il compito a professionisti capaci e ce ne sono tantissimi.

    Report

    Rispondi

  • anthom

    10 Novembre 2012 - 08:08

    lo si sapeva dall'inizio che monti era solo un uomo della banche e dei politici magnoni....primo in testa Napolitano....da quando è presidente della repubblica MI VERGOGNO DI ESSERE ITALIANO.... cosa stiamo aspettando ?.......

    Report

    Rispondi

  • Federico di Hohenstaufen

    09 Novembre 2012 - 02:02

    Tutti tranne i soliti vampiri hanno capito che monti è un fallito. Non serve il certifica della UE

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media