Cerca

L'editoriale

Sanno tutto di noi ma non beccano chi evade

Il vice di Befera ammette: nel 2012 dalla lotta ai furbi si è ricavata la stessa somma dell'anno prima. Il governo dei blitz a Cortina e della propaganda ha ottenuto zero risultati

29 Dicembre 2012

10

di Maurizio Belpietro

Che fine ha fatto la caccia agli evasori del più sobrio governo di cui l’Italia si sia mai potuta fregiare? Un anno fa, dopo la stangata di Natale, le quotazioni di Mario Monti erano in calo. La botta sulle tredicesime, per quanto propagandata dall’ufficio stampa di Palazzo Chigi, non era piaciuta agli italiani. Quindi, per risalire nei sondaggi, i professori si inventarono la lotta all’evasione. Intendiamoci: non c’è governo che al momento dell’insediamento non prometta di fare la guerra ai furbi che non pagano le tasse. Perché è vero che siamo un Paese un po’ pazzo, ma un premier che si presenti giurando che favorirà i contribuenti infedeli non si è ancora visto. I tecnici dunque, annunciando al Parlamento e agli italiani il loro programma con le misure per scovare chi non versa le imposte, erano nella norma. Ma Monti, per farsi gratis un po’ di propaganda, fece di più: diede il via ai blitz, cioè ai controlli nelle cittadine di vacanza. Cominciò con Cortina, la perla delle Dolomiti e dei ricconi. La conca ampezzana fu cinta d’assedio dagli ispettori del fisco, i quali controllarono i pubblici esercizi ma anche i privati cittadini, chiedendo conto dell’auto condotta e delle ferie in corso. Una mossa che fece vincere a Monti il premio di Robin Hood dell’anno, proiettandolo nell’olimpo della popolarità.

Bene: fin qui la cronaca e la pubblicità. Ma passato un anno siamo ai resoconti. E il bilancio finale pubblicato da Libero svela che il dispiegamento di mezzi e la grancassa con cui si è annunciata una lotta senza quartiere non hanno prodotto un euro in più. Anzi: forse uno in meno. Le cifre le ha rese note Salvatore Lampone, cioè il direttore centrale dell’Accertamento, ovvero una specie di vice Befera. Il dirigente del fisco in un’intervista al quotidiano romano Il Messaggero ha annunciato che l’anno si chiuderà più o meno con le stesse entrate da evasione recuperate lo scorso anno, vale a dire poco meno di 13 miliardi. La tolleranza zero dei professori ha fatto incassare allo Stato dunque solo articoli di giornale, ma nessun fondo in più. 

Che le cose stessero in questo modo a dire il vero lo avevamo sempre sospettato, sin dal giorno dei controlli su strada. Che senso ha mandare pattuglie di ispettori a fermare le auto in circolazione per identificarne i conducenti? Ogni macchina è registrata al Pra e il proprietario ha un nome e un cognome e, presumibilmente, anche un codice fiscale. Cosa ci vuole a interrogare il cervellone del fisco per farsi dire se il fortunato possessore di una Porsche ha una dichiarazione dei redditi che gli consente di godere di una vettura di lusso? Non è necessario fermare i veicoli nei dintorni delle località alla moda: è sufficiente controllare il modello Unico di chi possiede le 600mila supercar a spasso in Italia. Perché dunque non lo si fa? Perché si è insistito con i blitz, la propaganda e gli annunci evitando i controlli telematici? E qui viene il bello e cioè la scoperta di quante sono le centrali di ascolto del fisco, ovvero di quante agenzie di raccolta dati indagano sui contribuenti italiani. Da quanto risulta dall’indagine conoscitiva presentata pochi giorni fa alla Commissione bicamerale sull’anagrafe fiscale, le sole banche dati interne alle amministrazioni fiscali sono 128. A queste si sommano quelle degli enti previdenziali, del Pubblico registro automobilistico e così via. In pratica, centinaia di strutture raccolgono informazioni sulla vita degli italiani. Un Grande fratello registra ogni spesa, ogni investimento e perfino le abitudini dei contribuenti. Una montagna di cifre viene dunque raccolta ogni giorno e archiviata pronta per essere usata nel momento in cui si rendesse necessaria. 

Come è possibile, si chiederà a questo punto qualcuno di voi,  che, con tutto questo dispiegamento di mezzi e invasione della privacy, in Italia non sia ancora stato debellato il fenomeno dell’evasione? Come è spiegabile che i grandi investimenti e le enormi concessioni fatte dai governi che si sono succeduti negli ultimi anni non abbiano ancora messo in condizioni gli ispettori del fisco di beccare tutti i furbi che le tasse non le pagano? 

La risposta è semplice e perfino disarmante. Nonostante i mezzi e le leggi, gli evasori continuano ad evadere perché molte di queste banche dati non dialogano fra loro. Le centinaia di uffici che dovrebbero spiare i furbi usano sistemi non compatibili. Non sappiamo se questo sia frutto di una scelta per fingere di dar la caccia a chi non paga oppure della solita sciatteria della pubblica amministrazione. Sta di fatto che l’anagrafe fiscale e la montagna di dati accumulata, ad oggi non consentono di raggiungere il risultato sperato e cioè scoprire gli evasori. La macchina acchiappa furbi è costata molto, ma si sta rivelando un grande bluff. Un po’ come questo governo. Partito per rivoltare l’Italia come un calzino, si è ridotto a rivoltare le frittate. Mario Monti da uomo prestato alla politica è finito in prestito a Pier Ferdinando Casini, con la speranza non di vincere le elezioni, ma di essere richiamato in scena in caso di sconfitta. Il professore che doveva essere il motore del cambiamento se va bene sarà la ruota di scorta di un governo di centro-sinistra guidato da Bersani e sostenuto dall’Udc e dai suoi alleati. E cosa ci sia di tecnico in questa anomala ammucchiata resta ancora da capire.

 

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eziogius

    01 Gennaio 2013 - 19:07

    perchè i soloni che qui scrivono, non danno una mano a Befera per fare meglio? Nessuno di voi ha mai pensato che quanto recuperato nel 2012 sia frutto di azioni iniziate negli anni precedenti? Pensate che basta schioccare un dito e ...si porta a termine una verifica fiscale? Se pensate questo, state tranquilli, non siete evasori per il 2012, ma chissà per gli anni futuri........

    Report

    Rispondi

  • Newswan

    01 Gennaio 2013 - 12:12

    Sempre meglio di Berlusconi che incitava all'evasione dai suo giornali. Non ho capito Libero che voleva, un Monti che spremesse ancora più soldi? A me ormai sembra di leggere la Pravda

    Report

    Rispondi

  • neugenio

    31 Dicembre 2012 - 19:07

    Il sig.Monti ha voluto far delle azioni spettacolari per dimostrare che faceva sul serio credendo che ciò bastasse a spaventare tutti.E naturalmente soltanto gli ingenui e persino il signore del Colle credevano che tutto sarebbe andato automaticamente a posto. Per ottenere dei risultati bisogna affidarsi a dei professionisti con le mani in pasta e non a dei professori inesperti in materia come si è voluto imporre in modo autoritario.Il fallimento di questo tentativo dittatoriale dimostra soltanto l'inettitudine delle nostre maggiori cariche istituzionali.Capaci di perseguitare in modo stalinista gli imprenditori che si mettono in politica e che con la loro azione dimostrano che il nostro Paese è in mano a fameliche consorterie capaci soltanto di rubare.Unite soltanto per mantenere le loro posizioni di privilegio ottenute con i mezzi più spregevoli.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media