Cerca

L'editoriale

Pd, ideologia, piazza: l'Arrampicatore ha rottamato tutto

26 Ottobre 2014

4

Non è il Pd e nemmeno il Pdn, ovvero Partito della nazione, come annunciato da Renzi. No, quello che si è visto ieri a Firenze è il Pdus, che però non è una variante del Pdup nato e morto negli anni Settanta, ma è il Partito di uno solo, dove l’uno è ovviamente il presidente del Consiglio. La nuova formazione che avanza è modellata su di lui e infatti rappresenta alla perfezione le contraddizioni del premier. Il quale è di sinistra ma rompe con la sinistra, si atteggia a liberale ma tassa da statalista, sostiene di essere democratico ma la democrazia la interpreta in un modo originale decidendo da solo.

Ricordate: per anni ci hanno fatto la testa grande con la storia del partito azienda, adesso l’azienda si chiama Matteo Renzi. Altro che partito personale, qui non c’è il partito, c’è la persona e basta. Dopo aver rottamato i vecchi dirigenti, il premier rottama tutto, al punto da organizzare una rimpatriata di finanzieri e manager in riva all’Arno proprio nel giorno in cui a Roma la Cgil organizza una rimpatriata di pensionati in piazza. È lo strappo finale, la rottura di una cinghia di trasmissione che ha funzionato per quasi settant’anni, con la quale partito e sindacato si tenevano uniti e rappresentavano la stessa cosa, tanto che le battaglie del primo erano condivise dal secondo. Adesso invece sulle note di «Bella ciao» si consuma l’addio, con la Camusso che avrebbe voluto cantare «Bello ciao», per segnare ancor meglio la distanza.

Leggi l'editoriale di Maurizio Belpietro
su Libero in edicola oggi 26 ottobre
o acquista una copia digitale del quotidiano

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angryant

    27 Ottobre 2014 - 15:03

    purtroppo non ha rottamato ancora niente..la minoranza urlante e aggressiva vendera' cara la pelle..e poi la lotta di renzi per cambiare finalmente questo paese e' encomiabile ma non puo' farcela da solo ha bisogno dell'aiuto di altre forze politiche per es. il centro..che invece resta allo sbando incapace di fare una "leopolda" che rivoluzioni il centrodestra.,via tutti,da alfano a pascale ..

    Report

    Rispondi

  • michele.carbotta

    27 Ottobre 2014 - 13:01

    Renzi ha fatto bene a dire alla vecchia guardia PD che devono stare zitti e non voler continuare a voler cose obsolete come sono loro. In sostanza gli ha detto che devono andare in pensione e non rompere più.

    Report

    Rispondi

  • michele.carbotta

    27 Ottobre 2014 - 13:01

    Per me, Renzi, ha fatto bene a far capire alla vecchia generazione che è tempo di stare zitti e non voler continuare a voler cose che oramai sono antiquate ed obsolete come lo sono loro....praticamente gli ha detto di togliersi di mezzo ed andare in pensione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media