Cerca

L'editoriale

Fanno terrorismo fiscale invece di prendere chi evade

2 Dicembre 2014

4

Nei giorni scorsi abbiamo appreso che i conti correnti degli italiani non avranno più segreti per l’Agenzia delle Entrate, i cui ispettori potranno sapere tutto quel che ci riguarda in fatto di soldi e patrimonio. A dire il vero dobbiamo confessare che ci eravamo fatti l’idea che già fosse così e che sia i depositi che i prelievi fossero soggetti a controlli. Del resto le banche da tempo sono obbligate a segnalare all’autorità qualsiasi movimento sospetto, pena il rischio di essere accusate di favoreggiamento in caso si scoprano attività illegali o fraudolente dei correntisti. E infatti sono stati i traffici allo sportello a far venire a galla le truffe dell’ex cassiere della Margherita Luigi Lusi o operazioni dubbie come quelle del tesoriere del Carroccio Francesco Belsito.

Ma se già adesso gli istituti di credito spalancano le porte  alla Guardia di Finanza e agli ispettori del Fisco, tanto che da parecchio il segreto bancario è morto e sepolto, la novità comunicata dall’Agenzia delle Entrate dove sta? In effetti, più che di novità si dovrebbe parlare di propaganda, ossia di campagna per terrorizzare i contribuenti, soprattutto quelli infedeli, e costringerli a pagare le tasse e a tirare fuori da sotto il materasso i soldi in nero.

Leggi l'editoriale di Maurizio Belpietro
su Libero in edicola oggi 2 dicembre
o acquista una copia digitale del quotidiano

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roberto19

    roberto19

    02 Dicembre 2014 - 13:01

    Se il sistema per scoprire gli evasori è quello - logico e facile - di incrociare i dati … allora sarà l’unica cosa che mai si farà. La fiducia in questa classe di politicanti sta “a zero” e nessuno crede più alla volontà di abbattere veramente l’evasione fiscale perché mezza Italia si regge proprio su questa “furbizia” che è stata sempre tollerata e che ancora lo sarà ... per necessità!

    Report

    Rispondi

  • mods2088

    02 Dicembre 2014 - 11:11

    Uno dei più grandi evasori fiscali italiani si chiama Silvio Berlusconi. E' stato beccato, processato e condannato in via definitiva con l'appellativo di "delinquente abituale". Purtroppo però è a piede libero, e continua incredibilmente a fare politica. Speriamo venga posto fine a questo scempio. Io sono di Destra e per questo odio ogni tipo di illegalità.

    Report

    Rispondi

    • highlander5649

      02 Dicembre 2014 - 13:01

      mods 2008 il più grande evasore fiscale non è silvio berlusconi che , annualmente, lascia allo stato somme che io guadagnerei in due secoli, ti dico chi è il più grande evasore a livello di holding è il pd! la cgil che non pubblica bilanci con lega coppo e varie cooperative associate i soldi bruciati in mps è un oceano di inponibile non dichiarato. ci sono dubbi?

      Report

      Rispondi

  • mods2088

    02 Dicembre 2014 - 11:11

    Uno dei più grandi evasori fiscali italiani si chiama Silvio Berlusconi. E' stato beccato, processato e condannato in via definitiva con l'appellativo di "delinquente abituale". Purtroppo però è a piede libero, e continua incredibilmente a fare politica. Speriamo venga posto fine a questo scempio. Io sono di Destra e per questo odio ogni tipo di illegalità.

    Report

    Rispondi

media