Cerca

L'editoriale

L’esitazione su Mafia capitale rischia di travolgere Renzi

10 Dicembre 2014

6

Dal mondo di mezzo alla mezza decisione: nonostante il marcio di Roma, Matteo Renzi non ha voluto sciogliere il Consiglio comunale della Capitale e portare la città a nuove elezioni. Il presidente del Consiglio ha preferito prendere tempo e puntellare Ignazio Marino, lasciandolo dov’è ma allo stesso tempo commissariandolo un po’. Non un vero commissariamento e neppure una piena esautorazione. Il sindaco resterà sindaco, ma il prefetto avrà l’accesso agli atti, ovvero il diritto di controllare tutto ciò che fa il primo cittadino, con una specie di commissione d’inchiesta. Un commissariamento dolce, l’ha definito ieri Stefano Folli su La Repubblica. Forse, ma di sicuro il primo vero errore del premier. (...)

 

Clicca qui, acquista una copia digitale e leggi l'editoriale di Maurizio Belpietro

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nick2

    10 Dicembre 2014 - 20:08

    1/2 Il comune di Roma ha spese correnti per oltre 5 miliardi. Credere che mafia capitale sia nelle mani di uno spietato delinquente comune e del presidente di una cooperativa che ha volume d’affari di 50 milioni, è da fessi. Chi tira le fila di questa organizzazione criminale è molto più potente ed ha organizzato le manifestazioni delle ultime settimane contro il sindaco non certo per perorare…

    Report

    Rispondi

  • nick2

    10 Dicembre 2014 - 20:08

    2/2 …la causa delle periferie degradate, ma per delegittimarlo, visto che si rifiutava di sottostare alle sue regole. Le intercettazioni (che mai ha citato) parlano chiaro. Fatti fuori Marino e i due delinquenti, messo un commissario compiacente, il problema di fronte all’opinione pubblica sembrerà risolto, mentre tutto in realtà continuerà come e più di prima. Per questo IO STO CON MARINO.

    Report

    Rispondi

  • biemme

    10 Dicembre 2014 - 20:08

    Le indagini dovrebbero essere estese a tutto il paese, perchè è tutta l'Italia che è diventata una grande schifezza! Ma la frase intercettata: "mi avevano promesso 250 Rom ed io sono stato capace di ottenerne 25000" porta a pensare che Renzi, depenalizzando i reati di clandestinità, reati minori ed occupazione delle case, ha operato per favorire questa situazione. Nessuno osa parlare di questo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media