Cerca

L'editoriale

Risparmiateci la mafia olimpica

16 Dicembre 2014

12

C’è una sola cosa giusta che Mario Monti fece nel pur breve periodo in cui svolse la funzione di presidente del Consiglio: nonostante le pressioni del mondo politico, stoppò la candidatura di Roma per le Olimpiadi del 2020. Un Paese in crisi non si potrebbe permettere la spesa, fu la laconica spiegazione a chi gli chiese perché avesse deciso di non firmare la lettera di garanzia valida per la candidatura della Città eterna. Trascorsi appena due anni, Matteo Renzi ha deciso di porre rimedio alla faccenda cancellando anche la cosa giusta. La Capitale dunque sarà candidata a ospitare i giochi olimpici del 2024 e il governo si impegna a finanziare le opere che si dovranno realizzare. Come è noto, la Grecia per ospitare la famosa fiaccola si svenò e molti dei guai che ancora è costretta a patire sono frutto di quegli sprechi e di quelle spese. Certo, Roma non è Atene e il peso dell’investimento avrebbe un diverso impatto sulle nostre finanze, anche se non ci si può dimenticare che siamo il Paese europeo con il debito pubblico più elevato, debito che l’Europa ci chiede di diminuire, non di aumentare. (...)


Clicca qui, acquista una copia digitale e leggi l'editoriale di Maurizio Belpietro

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • geompiniliberoi

    16 Dicembre 2014 - 18:06

    dai giornali risulta che solo grillo e una parte della lega sono contro le olimpiadi, allora FI è favorevole, la meloni sarà favorevole ,non può dire di no, intende presentarsi sindaco di roma, maroni favorevole con le solite motivazioni campanilistiche e ridicole, le città coinvolte sono entusiate , presto nuovi comitai olimpici, consiglieri, progetti e via!!!!!l'80 % degli italiani sono contro .

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    16 Dicembre 2014 - 13:01

    se nel 2024 il Pd esiste ancora, non c'è scampo, ci toccherà pure la mafia olimpica. Perché caro direttore, a proposito di mafia capitale, non c'è mafia criminale nello scandalo di Roma ma mafia Rossa manovalanza del PD, Ai voglia metterci dentro Carminati dicendo che Buzzi e il braccio estro di Carminati ma sarà il contrario, Carminati braccio destro di Buzzi, è lui che gestisce le coop rosse.

    Report

    Rispondi

    • zhoe248

      16 Dicembre 2014 - 14:02

      Carminati essendo ex NAR fa comodo per attribuire il marcio ad Alemanno, che avrà pure sbagliato a rinnovare i contratti a quei fetenti (sarebbero venute giù le cataratte rosse se non l'avesse fatto!!), ma appunto RINNOVARE contratti già esistenti con Veltroni e prima di lui i 2 mandati Rutelliani che in gran malafede si evitano di associare. Come noto le coop. sono realtà tipiche di destra!

      Report

      Rispondi

      • bettely1313

        16 Dicembre 2014 - 15:03

        il marcio che attribuisci a Alemanno è un sorta fa come ti dicono le coop rosse, manovalanza PD. Perché la questione degli zingari e poi i clandestini nasce con Rutelli e continua con Veltroni, con l'avallo della Caritas prima e poi con il Ministero dell'Integrazione Riccardi. Alemanno con i padroni delle coop rosse è dovuto sottostare. Per quanto riguarda Eurspa è un altro scandalo ben distinto.

        Report

        Rispondi

        • zhoe248

          16 Dicembre 2014 - 16:04

          Appunto. Il marcio che (non io) ma i media e la sinistra cercano di buttare tutto addosso ad Alemanno, in realtà è nato molto prima, con le giunte di sx Rutelli e Veltroni (15 anni!!). Roma, a parte il periodo di alemanno, è stata sempre amministrata da giunte di sinistra.Alemanno non ha avuto la forza o il coraggio di combattere la cricca delle coop. che sfruttavano la situazione.

          Report

          Rispondi

        • bettely1313

          16 Dicembre 2014 - 18:06

          ma secondo te Alemanno poteva fare qualcosa? Ormai le coop la facevano, la faranno ancora da padrone, in ogni settore, si sentono i padroni e questo fino a quando esisterà il PD. Certo che poi è stato semplice abbindolare uno sprovveduto dopo 15nni tra Rutelli e Veltroni, m ancora prima per decenni Roma ha avuto sempre sindaci di sinistra. Alemanno da sindaco si è dovuto vendere pure la casa.

          Report

          Rispondi

  • zhoe248

    16 Dicembre 2014 - 13:01

    Forse vorranno usare la stessa "medicina" per dare il colpo di grazia all'Italia, come hanno fatto con la Grecia. Scommettiamo che ce li affibbiano? E tutti i c...ioni, media compresi, a congratularsi per il successo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media