Cerca

L'editoriale

Renzi ha tre assi nella manica: li usi subito

18 Dicembre 2014

5

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha spesso accusato chi guarda con scetticismo le misure economiche del suo governo di gufare contro l’Italia. Siccome facciamo parte di chi ha dubbi circa l’efficacia dei provvedimenti varati nel corso dell’anno dal Consiglio dei ministri, vorremmo tranquillizzarlo: non scommettiamo affatto sul fallimento del nostro Paese, ma anzi guardiamo con preoccupazione al peggioramento dei dati e del debito pubblico. Tuttavia, per dimostrare a lui e ad altri che non ci piace puntare sul default italiano, vogliamo oggi segnalare alcuni fattori che giocano a favore del premier, il quale se saprà calare bene le proprie carte potrebbe perfino riuscire a centrare l’obiettivo che si è prefisso, ovvero di rilanciare la crescita.
Primo fattore. Dopo mesi, anzi anni, di pessimismo, gli uffici studi che tengono sott’occhio l’economia segnalano una leggera ripresa. Niente di eclatante, intendiamoci, appena mezzo punto di Pil in più per il 2015. Ma tra lo 0,4 per cento in meno del 2014 e lo 0,5 in più dei prossimi dodici mesi c’è la stessa differenza che esiste tra una macchina che procede in retromarcia e una che avanza seppure lentamente. Per Confindustria insomma qualcosa si muove. Non è tanto ma è il segno che laggiù (o quassù, visto che gran parte delle industrie è concentrata nel Nord) c’è un segno di vita.
Troppo poco per esultare? Vero, ma infatti nessuno esulta. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • morello

    18 Dicembre 2014 - 21:09

    Segue il precedente- il petrolio, i cui prodotti ( benzina , gasolio etc) sono gravati dall' 84 % di tasse che ne limtano le variazioni , al minimo accenno di ripresa in europa ed anche per ragioni di economia mondiale ( vedi p. e. la protezione dell'economicità della produzione del gas americano) riprenderà comunque a risalire .

    Report

    Rispondi

  • morello

    18 Dicembre 2014 - 21:09

    Caro Belpietro ,seguendo il capo, quando a nozze e quando a grilli , vero? Che poi si dia credito a confindustria che con Squinzi si è sempre comportata da partner di Renzi ... bah ! Un asso verso il bellissimo incredibile risultato di una possibile crescita dello 0,5 , comunque glielo tolgo , infatti , a seguito della crisi ucraina il gas aumenterà tra il 10 e il 20 % mentre il petrolio ,.....

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    18 Dicembre 2014 - 17:05

    i tre assi che dovrebbe usare Renzi sono: primo fare come la Grecia disconoscere il debito accumulato con le politiche dell'UE e uscirne. Pretendere i danni come conseguenza della moneta unica imposta, quando noi avevamo la nostra moneta sovrana, il ns. mercato, la ns. economia e terzo, lasciare il posto a chi veramente ci capisce di politica economica. Forse la luce in fondo al tunnel si vede.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media