Cerca

L'editoriale

Vietato parlare di Islam

8

Dopo la strage di Parigi esiste ancora la libertà di stampa? Si può ancora pubblicare oppure no un’opinione anche quando questa è politicamente scorretta? Ieri tutti i quotidiani traboccavano di articoli di fondo inneggianti alla libertà minacciata dall’assassinio a sangue freddo del direttore e dei principali collaboratori di Charlie Hebdo. E però gli stessi quotidiani si guardavano bene dal prendere di petto la questione, preferendo nascondere se non cancellare la parola islam. Sulla prima pagina del Corriere per trovarla ci si doveva sottoporre a una vera caccia al tesoro. Il titolo a tutta pagina non parlava di strage islamica o di terrorismo islamico, ma di «Attacco alla libertà. Di tutti». Ah sì? E da parte di chi? Per scoprirlo bisognava leggere il sommario su una colonna: «Al grido di “Allah è grande” tre terroristi assaltano il giornale delle vignette satiriche su Maometto: 12 vittime». Per capire poi che l’islam c’entra qualcosa, l’occhio doveva cascare sull’occhiello sfumato (una colonna) che sovrastava l’editoriale di Ernesto Galli Della Loggia: «Islam, la vera questione». Ecco, la notizia era lì, nell’occhiello. Solo allora si scopriva che l’islam c’entra qualcosa in quello che è accaduto a Parigi, perché Galli della Loggia scriveva che esiste un problema islam, «un insieme di religione, di cultura e storia, riguardante in totale circa un miliardo e mezzo di esseri umani dove nel complesso (nel complesso perché vi sono anche le eccezioni e sarebbe da stupidi ignorarle) vigono regole diverse e perlopiù incompatibili con quelle che vigono in quasi tutte le parti del mondo». Questo è il punto. Ma il Corriere ha pensato bene di nasconderlo il più possibile, titolando sull’11 settembre dell’Europa, di cui peraltro nell’articolo non si fa nemmeno cenno e che comunque sarebbe sbagliato perché l’Europa ha già avuto i suoi 11 settembre con le bombe nel metrò di Londra (52 morti) e sui treni alla stazione di Madrid (191 morti). 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alkhuwarizmi

    10 Gennaio 2015 - 04:04

    Uno dei tanti aspetti di questa perversione della maggior parte dell'Occidente nei riguardi di un problema Islam che, da inetti, pavidi, fiancheggiatori, masochisti, si continua a fare finta di non capire: è un continuo attacco alla nostra cultura ed alla nostra stessa esistenza.

    Report

    Rispondi

  • biemme

    09 Gennaio 2015 - 23:11

    Oriana Fallaci, odiata dalla mostra sinistra, aveva predetto quanto sta accadendo. Non è che abbia fatto tanti sforzi, però è l'unica che ha avuto il coraggio di dirlo e scriverlo. La sinistra addirittura continua con i "distinguo" a sostenerli. Che servi!

    Report

    Rispondi

  • rocc

    09 Gennaio 2015 - 20:08

    nessuno dice che i terroristi possono arrivare anche in mezzo ai clandestini (politicamente corretto: migranti), ieri sono stati soccorsi 43 clandestini (ovvero migranti) su un barcone, nessuno lo dice e nessuno controlla se sono pregiudicati o comunque malati

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media