Cerca

L'editoriale

Renzi è vittima delle troppe renzate

14 Febbraio 2015

10

Sembra passato un anno dal capolavoro di Matteo Renzi, ossia l’elezione del presidente della Repubblica con il ricompattamento del centrosinistra, la retromarcia del Nuovo Centrodestra e il calcio negli stinchi a Silvio Berlusconi. I giornali scrivevano di un capo del governo tronfio, che dopo il colpo gobbo della nomina di Sergio Mattarella poteva contare addirittura su tre maggioranze, da scegliere a piacimento per proseguire la navigazione. Una di governo, una per fare le riforme e una terza di riserva sullo stile di quella che aveva condotto alla scelta del capo dello Stato. Il premier si mostrava tanto sicuro di sé da lasciar intendere di avere pronto per l’occorrenza un gruppo di transfughi denominato “Orizzonte 2018”, dalla data di fine legislatura.

Leggi l'editoriale di Maurizio Belpietro
su Libero in edicola sabato 14 febbraio
o acquista una copia digitale del quotidiano

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cicalino

    14 Febbraio 2015 - 19:07

    Più che "renzate" a me appaiono "strenzate"...Ma chi è causa del suo mal (gli italiani che lo hanno votato ed accettato) pianga sé stesso! Eppoi non se la beve nessuno che lo "strenzino" è arrivato dov'è da solo...Chi sono gli gnomi occulti ma potentissimi che lo manovrano? Azzardo troppo se fra i suoi sponsor ci metto pure lo stesso Berlusconi? Diabolico com'è il nano ci starebbe, noo??

    Report

    Rispondi

  • robin-ud

    14 Febbraio 2015 - 17:05

    Le vere vittime siamo noi ! Da 4 anni a questa parte chi dichiarava di voler rimediare alle boiate di Berlusconi, non ha fatto altro che peggiorare le cose sia dal punto di vista interno sia da quello internazionale. E' davvero roba da vergognarsi. Sinceramente , anche a voler emigrare altrove, per tutti gli abitanti del pianeta, purtroppo ci considereranno sempre italiani e non ITALIANI.

    Report

    Rispondi

  • robin-ud

    14 Febbraio 2015 - 17:05

    L'arroganza con cui si conduce non fa che confermare la mia convinzione:durerà fino a quando i suoi avranno convenienza ;poi lo tratteranno come si merita : come è entrato, uscirà.Peccato che le dimostrazioni di " democrazia " di questi ultimi tempi, mi fanno andare indietro nel tempo e rivedo i mega congressi del PCUS e della Internazionale Socialista.L'immondizia di questo tipo non è riciclabile

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media