Cerca

L'editoriale

Berlusconi assolto. E adesso chi paga?

11 Marzo 2015

18

Per cinque anni la Procura di Milano ha rivoltato le lenzuola di Silvio Berlusconi alla caccia di reati. Le sue abitudini, le sue frequentazioni e le sue conversazioni sono state messe in piazza e l’ex presidente del Consiglio è stato descritto come un satiro, anzi come una specie di malato sessuale, esposto al ludibrio e al dileggio. Ma oggi si scopre che i fatti contestati, aver fatto sesso con una minorenne e aver concusso dei funzionari di polizia allo scopo di nascondere il primo reato, non ci sono, non sono provati. Dopo anni di indagine, pacchi di intercettazioni e tonnellate di fango, la Corte di Cassazione ha infatti posto la parola fine, rigettando la richiesta del procuratore generale che chiedeva la cancellazione della sentenza con cui la Corte d’Appello aveva assolto l’ex Cavaliere, riformando quella di condanna a 7 anni di carcere comminata in primo grado.
Per i giudici non è provato che il capo del centrodestra abbia fatto sesso con Ruby Rubacuori e anche se lo avesse fatto, non è provato che fosse a conoscenza della minore età della ragazza. Dunque, tenendo presente che Karima El Mahroug ha sempre negato di essere andata a letto con l'ex premier e che non c'è nulla che dimostri il contrario, non resta che assolvere. Così come non resta che dichiarare l’inesistenza del reato di concussione, perché non solo non ci sono i funzionari della Questura che si dichiarano concussi (anzi, loro negano di esserlo stati), ma il tono delle telefonate di Silvio Berlusconi ai poliziotti è tutt'altro che minaccioso e funzionale ad ottenere qualche cosa di illecito. E infatti Ruby fu rilasciata e affidata a Nicole Minetti nel pieno rispetto della prassi e non, come si era lasciato intendere, in violazione delle norme. Cinque anni di pettegolezzi, di brogliacci, di soldi spesi in intercettazioni e indagini, dunque, buttati così. Come l'immagine internazionale dell'Italia e del suo capo di governo, sepolta sotto quintali di fango. Ma la montagna di discredito e di accuse non ha partorito un reato, neanche piccolo piccolo.

Leggi l'editoriale completo di Maurizio Belpietro
su Libero in edicola oggi, 11 marzo 2015.
Oppure acquista qui una copia digitale

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • jborroni

    12 Marzo 2015 - 14:02

    molto meno, caro Belpietro, di quanto ci costa mantenere la dozzina di uomini di scorta per proteggere (da chi poi? forse dalle Olgettine che sono rimaste senza lavoro!!) questo galantuomo! ma per favore.......a tutto c'e' un limite ........o la decenza fa' eccezione

    Report

    Rispondi

  • bimbonet

    12 Marzo 2015 - 13:01

    Paghi Berlusconi, se ne doveva stare nel suo mondo dorato senza suscitare tante illusioni ad una marea di sprovveduti.

    Report

    Rispondi

  • bimbonet

    12 Marzo 2015 - 13:01

    Paghi Berlusconi, se ne doveva stare nel suo mondo dorato senza suscitare tante illusioni ad una marea di sprovveduti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media