Cerca

L'editoriale

Altro che Rolex, Di Pietro ci è costato 1,5 miliardi

20 Marzo 2015

11

Maurizio Lupi ha gettato la spugna. Impossibile resistere oltre all’assedio di cui da giorni era vittima. Pur non essendo né indagato né sospettato di alcunché, il ministro delle Infrastrutture era oggetto di un’attenzione morbosa da parte di quasi tutta la stampa e all’unisono gli opinionisti dei giornaloni, anche quelli sempre pronti a tessere le lodi di chiunque stia al potere, ne hanno richiesto le dimissioni. Eh già, è davvero imperdonabile che chi maneggia i miliardi delle opere pubbliche abbia lasciato che una cooperativa pagasse il viaggio aereo da quattrocento euro alla propria moglie. E ancor di più lo è aver telefonato a un consulente del ministero per chiedergli che incontrasse il proprio figlio. Senza dire poi dell’abito su misura ricevuto in regalo o dell’orologio per la laurea del primogenito. Via dunque Lupi, che tenendo famiglia non può essere degno di ricoprire il delicato incarico affidatogli.
Ma per un Lupi che va c’è un Di Pietro che torna. (...)

Clicca qui, acquista una copia di Libero e leggi l'editoriale di Maurizio Belpietro

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mich123

    21 Marzo 2015 - 14:02

    "non sospettato di alcunché". Io sono ministro. Posso farmi pagare un vestito da uno che fa affari col mio ministero? Così giù giù a scalare fino all'ultimo impiegato dello Stato si arriva alla cifra di 60 miliardi l'anno.

    Report

    Rispondi

  • vincenzocontadino

    21 Marzo 2015 - 08:08

    Già come buttar fuori uno che era gradito e messo un gradino sotto Dio! Guzzanti ha ragione sul fatto che "Mani Pulite fu un golpe un sistema sono arrivati sino al Quirinale e l'infiltrazione nel Potere continua allegramente. Perché alcuni magistrati sono rimasti fermi o per paura già visto a carico di un PM che voleva interrogare lo Statista CRAXI a Palermo manette al fratello le manette!

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    21 Marzo 2015 - 05:05

    ma quando mai : in America quando devono dimettersi se ne vanno a lavorare, questo fa la sceneggiata ma resta (per lo stipendio, senno' per cosa?). Mica MAI un politico sputtanato va a lavorare, e quando MAI. Poi dico c'e' un particolare: lo paghiamo perche' fu eletto ma per un altro partito, no? che ca$$o di politica e'? democrazia? presaperilculozia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media