Cerca

Così il Pd piazza i figli e si fa dare case senza pagare pegno

25 Marzo 2015

4

Vent’anni fa, in assenza di notizie più appetibili, il Giornale pubblicò i dati di una relazione sulla gestione immobiliare da parte degli enti pensionistici. In base alla legge, sia l’Inps che l’Inpdap erano tenuti a investire nel mattone i soldi dei lavoratori, così da garantire a impiegati e operai che una volta a riposo avrebbero percepito l’assegno previdenziale. Dai documenti consegnati al Parlamento, si capiva però che le case degli enti non solo non garantivano un reddito, ma addirittura Inps, Inpdap e così via riuscivano a perdere denaro, cioè a dilapidare i contributi dei futuri pensionati. Era ferragosto del 1995, ma quella notizia scansata dalle agenzie e pubblicata con evidenza dal solo Giornale, diede inizio a un’inchiesta tra le più formidabili, ossia Affittopoli (...)

Clicca qui, acquista una copia digitale di Libero e leggi l'editoriale di Maurizio Belpietro

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    25 Marzo 2015 - 23:11

    Non parliamo di figli se Barbara, , (Piersilvio non c'è stato) e la sorella dovevano diventare le candidate Premiere della destra. SSTTT. !

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    25 Marzo 2015 - 23:11

    C'era anche , tra l'immobiliare, quella di Berlusconi ? E che fine ha fatto il novero di appoartamenbti venduti dal Ministro dell'Economia Tremonti?

    Report

    Rispondi

  • biban

    25 Marzo 2015 - 11:11

    Direttore, tenga presente che da più di mezzo secolo, catto-comunisti, comunisti, ex comunisti, post comunisti hanno guidato questo paese facendone di cotte e crude e, riuscendo sempre a cavarsela ed apparire non corrotti. Quando il popolo bue aprirà gli occhi? speriamo presto. Biban

    Report

    Rispondi

media