Cerca

L'editoriale

E Matteo Renzi supera Mario Monti in tasse

3

Chi trova un amico trova un tesoro, chi trova Matteo Renzi invece trova un tesoretto, ma insieme al tesoretto trova anche la fregatura. Abbiamo già spiegato come il presidente del Consiglio abbia finanziato i famosi 80 euro. Gli 8,7 miliardi del bonus non vengono da un taglio dei costi dell’amministrazione statale e nemmeno da una riduzione delle pretese del fisco: arrivano da un aumento della spesa pubblica. In poche parole, il capo del governo per vincere le elezioni europee e alimentare la sua immagine positiva ci ha indebitato ancora di più. Un po’ come quei consulenti finanziari che promettono tassi mirabolanti, ma che liquidano gli interessi con il capitale dei clienti. Certo, è bello avere 80 euro in tasca, ma se poi dobbiamo ripagare il regalo con un prelievo più salato sui nostri stipendi forse è meglio rinunciarvi. Già, perché mentre il premier parla di una somma di 1,6 miliardi (...)

Leggi l'articolo integrale di Maurizio Belpietro su Libero in edicola oggi oppure clicca per l'edizione digitale

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kit carson

    14 Aprile 2015 - 11:11

    La tariffa agevolata per i mezzi pubblici per gli studenti della regione Lazio che, che hanno un reddito isee basso e sono disabili non è più scontata del 75 per cento ma del 50. Questo, quindi, sarebbe: diminuire le tasse o diminuire le agevolazioni?

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    12 Aprile 2015 - 12:12

    Matteo Renzi supera Mario Monti in tasse!! Considerando che la matematica non è un'opinione, vorrei precisare che più che superarlo le ha SOMMATE a quelle di Monti.

    Report

    Rispondi

  • claudia42

    12 Aprile 2015 - 11:11

    Ma và! E dire che non ce ne eravamo neanche accorti. Con i tagli ai comuni, per me la Tasi é triplicata, ma chissà forse é stato solo un sogno od una percezione come si usa dire.

    Report

    Rispondi

media