Cerca

L'editoriale

L'Europa affonda il barchino di Renzi

24 Aprile 2015

3

Inutile prenderci in giro: le idee circolate in questi giorni per fermare l’esodo di migranti dalle coste libiche sono inapplicabili. Il blocco navale non si può fare e quand’anche lo si potesse, disponendo di mezzi sufficienti per impedire ai barconi di raggiungere le nostre coste, nel momento in cui i gommoni venissero fermati non si potrebbe fare nulla di diverso da ciò che si fa ora e cioè soccorrere i profughi e portarli in Italia. Dunque che senso ha sprecare uomini e risorse per una cosa che non risolve il problema, ma anzi lo rende molto più attraente perché consente di raggiungere la destinazione senza rischiare la pelle? Paradossalmente il blocco navale sarebbe un formidabile richiamo, perché i migranti avrebbero una prospettiva migliore, sia d’estate che d’inverno, sia con condizioni climatiche favorevoli che avverse.

Leggi l'editoriale di Maurizio Belpietro
su Libero in edicola venerdì 24 aprile
o acquista una copia digitale del quotidiano

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lonato47

    24 Aprile 2015 - 19:07

    La colpa e' di Renzi e non dell'Europa. I coglioni, in odio a Renzi, si augurano di essere invasi. Caro Belpietro pensavo che un minimo di onesta' intellettuale ti fosse rimasta.

    Report

    Rispondi

  • zhoe248

    24 Aprile 2015 - 14:02

    Macchè blocco navale, eliminare proprio le navi soccorso dall'area. Sono adulti e vaccinati e responsabili delle loro decisioni. Si mettono in viaggio a loro rischio e pericolo. Quando e chi arriverà prenderà atto che qui non c'è più trippa x gatti, e che l'unica cosa che possiamo fare x aiutarli è fare loro il pieno di gasolio e girare la prua di 180 gradi x tornare indietro.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    24 Aprile 2015 - 10:10

    Giusto. affoghiamoli a terra Così acconteniamo anche la Meloni.. a meno che non ci sia un arabo ben ingioiellato o un negrotto con...

    Report

    Rispondi

media