Cerca

La fregatura di Renzi

Anche il Fisco si arrende: non usate il nostro 730

6 Maggio 2015

1

Il modo con cui Matteo Renzi liquidò Enrico Letta, soffiandogli la poltrona di presidente del Consiglio, avrebbe dovuto suggerire prudenza. Invece, quando un anno fa, il capo del governo annunciò che per il 2015 i contribuenti avrebbero potuto stare sereni perché con il nuovo anno al 730 ci avrebbe pensato il Fisco, consegnandolo precompilato, nessuno o quasi fiutò la fregatura. Né gli esperti suggerirono di diffidare della promessa, sembrando a tutti un passo avanti nei rapporti fra il contribuente e l’Agenzia delle Entrate. Passato un anno ed essendo giunto il momento di preparare la dichiarazione dei redditi, i nodi di una malattia che affligge l’esecutivo - ossia l’annuncite, forma grave di un rapporto poco sano tra chi sta a Palazzo Chigi e gli elettori - sono venuti al pettine. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Bombardato

    06 Maggio 2015 - 18:06

    E' proprio finita! Anche l'ultima biblica piaga incombe: ci mancava anche il venditore di pentole. Viene da rimpiangere gli scivolosi politicanti di un tempo che, presi dalla necessità di conservare la poltrona, almeno avevano il decoro di lasciarti in pace facendo si che gli italiani lavorassero e prosperassero come sanno fare.

    Report

    Rispondi

media