Cerca

L'editoriale

La doppia truffa previdenziale

7 Maggio 2015

1

Una volta, ai tempi di Berlusconi, il motto della sinistra e dei suoi giornali era il seguente: le sentenze non si discutono, si accettano. E così, grazie ai giudici della Corte costituzionale, che smontarono il lodo Alfano aprendo la strada alle procure, Berlusconi è stato giustiziato dalla Cassazione. Ora, ai tempi di Renzi, la massima è stata riveduta e corretta nel modo che segue: le sentenze non si discutono, si aggirano. Senza alcun chiasso e senza nessuna indignazione ieri il sottosegretario all’Economia Enrico Zanetti ha infatti rivelato quali siano le intenzioni del governo a proposito della famosa sentenza della Consulta in materia di pensioni. Già erano corse voci sospette e dunque i pensionati erano in allarme. Ora, dopo le parole del viceministro, c’è la certezza che Palazzo Chigi non ha alcuna intenzione di mettere mano al portafogli e risarcire gli anziani scippati. (...)

Leggi l'editoriale completo di Maurizio Belpietro
su Libero in edicola oggi 7 maggio 2015.
Oppure clicca qui

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Avantidos

    07 Maggio 2015 - 08:08

    A parte un colpo di Pistola alla testa di questi indegni, non esiste una Legge?

    Report

    Rispondi

media