Cerca

L'editoriale

Occhetto piange: senza i nostri soldi dice che non vive. Ma ai cittadini chi pensa?

19 Maggio 2015

8

Achille Occhetto, l’uomo che dopo il crollo del muro di Berlino cambiò nome al Pci trasformandolo in Pds, intervistato dalla nostra Elisa Calessi riconosce che il sistema dei vitalizi ai parlamentari potrebbe anche essere sbagliato, ma poi aggiunge che, alla soglia degli ottant’anni, senza il vitalizio non saprebbe come vivere. C’è da capire il dramma dell’ultimo segretario del Partito comunista. Per tutta la vita è stato in Parlamento o nei paraggi di Botteghe Oscure e il suo «stipendio» se lo è guadagnato lì. Dunque non ha altra «pensione» se non quella che gli viene (...)

Clicca qui, acquista una copia digitale di Libero e leggi l'editoriale di Maurizio Belpietro

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ramadan

    19 Maggio 2015 - 15:03

    se ha bisogno del vitalizio per vivere evidentemente non ha rubato ! quindi è una persona onesta e come tale invece di apprezzarlo libero lo sberleffa, solo perchè è di sinistra. questo la dice lunga sull'obiettività di libero.

    Report

    Rispondi

    • plt56

      20 Maggio 2015 - 14:02

      Ramadan già il suo nome è un programma in ogni caso supporre che questo sinistro sia mai stato onesto e ' come pensare che ilona staller fosse vergine e di professione facesse la domatrice di serpenti (boa in particolare)

      Report

      Rispondi

    • luiss_sm

      19 Maggio 2015 - 16:04

      Caro Ramadan, il nome che ha scelto fa già capire molte cose, ma immagino che lei viva con un lavoro o con una pensione che si è guadagnato. Il signor Occhetto ha un ricco vitalizio derivante dall'avere fatto il parlamentare. Quindi non avendo altre pensioni deduco che non ha mai lavorato in vita sua. Se Lei è contento così, organizzi anche una colletta, visto che ha anche dei figli da mantenere.

      Report

      Rispondi

      • ramadan

        19 Maggio 2015 - 20:08

        non capisco perchè il nome che ho scelto faccia "capire molte cose": ciò mi rende perplesso sulle sue oneste capacità di giudizio. ciò premesso se un parlamentare ha svolto il suo mandato im modo onesto rinunciando ai proventi della sua professione e non approfittando della sua posizione mi pare giusto che goda del vitalizio. il problema è l'onestà del politico non il vitalizio

        Report

        Rispondi

        • Karl Oscar

          26 Maggio 2015 - 08:08

          No,caro radacoso,tutti questi vitalizi ,mettono in crisi l INPS che trova la soluzione,grazie ai tuoi compagni,riducendo o bloccando la pensione a chi ha lavorato 40 anni.il politico e'onesto se ha diritto alla pensione alle stesse condizioni dei comuni mortali

          Report

          Rispondi

  • tsfulvio

    19 Maggio 2015 - 14:02

    a gigi il negher: non capisco il commento , Belpietro non è un dipendente pubblico pagato da soldi pubblici e che poi riceve un vitalizio . . . (per chi non sa si vada a rivedere la differenza tra pensione e vitalizio)

    Report

    Rispondi

  • gigi il negher

    19 Maggio 2015 - 12:12

    Belpietro non si commuove. No, non si commuove, ma quanto guadagna Belpietro???? Già, bella domanda.

    Report

    Rispondi

    • olbur

      19 Maggio 2015 - 14:02

      e saranno cazzi suoi visto che lavora in un'azianda privata,anche se dubito che tu capisca la differenza

      Report

      Rispondi

media