Cerca

L'editoriale

Pensioni anticipate, Matteo dice balle perfino alle nonnine

1

Fino a che punto ci si può approfittare della credulità popolare o, se preferite, della scarsa conoscenza della materia da parte degli italiani? La domanda l’ho in mente da martedì sera, dopo aver ascoltato nelle retrovie dello studio di Porta a Porta il presidente del Consiglio. Vi state chiedendo a che cosa io mi riferisca? Semplice. Alla promessa di una modifica della legge Fornero che consenta a chiunque ne faccia richiesta di poter andare in pensione prima dello scadere dei termini fissati dalla stessa Fornero, perdendo al massimo «venti o trenta euro». Testuale. Così ha detto Matteo Renzi e così hanno riportato le agenzie quella sera.
In realtà, se fosse vero ciò che ha sostenuto il premier, l’età pensionabile fissata per legge a 67 anni verrebbe cancellata, perché credo che chiunque deciderebbe di rinunciare a poche decine di euro pur di avere la possibilità di collocarsi a riposo e di guadagnare il cosiddetto diritto acquisito, cioè la certezza di avere la pensione e di averla con una leggerissima modifica dell’assegno previdenziale. Con uno Stato che cambia di anno in anno le carte in tavola, non si sa mai: meglio prendere oggi ciò che è certo piuttosto che puntare a incassare domani qualcosa che è incerto. In cinque anni tante cose possono cambiare: anche il trattamento pensionistico. (...)

Leggi l'editoriale di Maurizio Belpietro
su Libero in edicola oggi 21 maggio 2015 
Oppure clicca qui

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maria.54

    22 Maggio 2015 - 14:02

    Esperienza diretta Insegnante di scuola media in pensione dal 1° settembre 2011 con 40 anni di anzianità contributiva percepisce 1850 euro al mese e TFR subito Insegnante di scuola media in pensione dal 1° settembre 2013 con 37 anni di anzianità contributiva percepisce 1173 euro al mese e TFR sequestrato dallo Stato per non meno di 24 mesi. Tre anni di anzianità comportano una perdita del 37%

    Report

    Rispondi

media