Cerca

L'editoriale

Basta soldi a greci e Merkel

7 Luglio 2015

0

Nessuno sa dire come finirà con la Grecia, se cioè le banche elleniche falliranno trascinando con loro tutto il Paese o se interverrà la mano tesa di Mario Draghi a scongiurare anche questa volta il peggio. A prescindere da ciò che succederà ad Atene, una cosa però si può dire con certezza ed è che niente sarà più come prima. Se cioè prima in Europa esisteva un punto fermo e cioè che la Germania decideva e poi gli altri erano costretti ad adeguarsi, adesso si sa che qualcuno può anche reagire e impuntarsi. Magari questo significherà trascinare un Paese alla bancarotta, danneggiando gli altri che lo avevano aiutato e provocando un terremoto che rischia di essere pagato a caro prezzo da tutti. Ma Angela Merkel non è la padrona d' Europa. Si può essere d' accordo o meno con la politica di Alexis Tsipras (e noi come è noto non lo siamo, perché i debiti si pagano e il comunismo non si resuscita), ma un dato di fatto gli va riconosciuto.


Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media