Cerca

L'editoriale

Gli italiani non ne possono più: ormai è guerra ai clandestini

1

Da Treviso a Roma passando per Livorno, la guerra ai clandestini dilaga. Nella marca veneta le famiglie sono scese in piazza impedendo che gli appartamenti di fianco ai loro fossero trasformati in strutture di accoglienza per gli immigrati. Alloggi già pronti, arredati con ogni comfort, tv sottili comprese. Per gli italiani che sono nati e pagano le tasse qui la casa non c’è, neppure se si mettono in fila per vedersela assegnata dall’Istituto case popolari. Per chi è appena sbarcato dall’Africa o da un qualsiasi angolo del mondo, anche il più remoto, invece sì ed è pure già arredata. Tanto che importa, paga lo Stato, cioè quei fessi degli italiani. Per qualcuno è un business, perché affitta case invendute a un prezzo da favola, più di mille euro al mese e senza neppure il rischio che l’inquilino non paghi un centesimo. In questo caso - anche se tardi - paga la pubblica amministrazione e non c’è da metter di mezzo i tribunali ma solo di aver pazienza, perché il credito è sicuro. Ma se c’è gente che fa l’affare, ad altri invece resta la fregatura. I disagi della convivenza e i problemi legati alla svalutazione del proprio alloggio. Una casa comprata a peso d’oro e a prezzo di enormi sacrifici ridotta ad alloggio da svendere perché nessuno compra là dove ci sono gli immigrati.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Napolionesta

    20 Luglio 2015 - 15:03

    Povera Italia..... Un Italiano in Germania.

    Report

    Rispondi

media