Cerca

L'editoriale

Aumentano la Tassa sui rifiuti per pagare i debiti de L'Unità

10 Novembre 2015

0

Mentre con una mano lo Stato riduce le tasse sugli immobili, abolendo la Tasi sulla prima casa, con l’altra le aumenta, lasciando che gli enti locali rincarino la Tari, ossia l’imposta sui rifiuti. Un gioco a somma zero per il portafogli degli italiani, anzi in perdita, per lo meno per coloro che alle promesse di Matteo Renzi danno credito. La prova che spesso gli annunci di tagli alla pressione fiscale su cittadini e imprese si risolvono solo in uno spostamento del prelievo da un capitolo all’altro, con un cambiamento di nome della tassa o di obiettivo da colpire, è data dal riepilogo degli importi versati dai contribuenti nelle principali città italiane. Il Sole 24Ore ha messo nero su bianco le somme pagate da proprietari e inquilini per il servizio di nettezza urbana, scoprendo non solo che le imposte non hanno alcuna attinenza con il servizio prestato, ma che in media sono cresciute nel 2015 del 2 per cento.

Leggi l'editoriale di Maurizio Belpietro
su Libero in edicola martedì 10 novembre
o acquista una copia digitale del quotidiano

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media