Cerca

L'editoriale

Istituti colpevoli. Ma a che serve la Banca d’Italia? L'editoriale di Maurizio Belpietro

11 Dicembre 2015

2

Ma davvero investire i propri risparmi in obbligazioni subordinate senza sapere cosa siano le obbligazioni subordinate equivale a scalare il Monte Bianco in ciabatte, come ieri sosteneva Francesco Manacorda su La Stampa di Torino? La risposta è sì ma anche no. Tranquilli, non sono un emulo di Veltroni, ma semplicemente uno che sa cosa succede nelle agenzie bancarie. È vero, comprare le obbligazioni subordinate non quotate, e dunque non negoziabili, ossia non facilmente rivendibili se non a chi le ha emesse, significa scalare il Monte Bianco in ciabatte, perché ci si arrampica su una vetta alla ricerca di un rendimento maggiore di quello garantito dai titoli di Stato senza avere scarponi, ramponi, picozza e senza l’equipaggiamento per far fronte alle basse temperature. Però ho la sensazione che il problema non si riduca al fatto che un pensionato dell’Enel, che ha faticato una vita e messo da parte un po’ di risparmi, un bel giorno abbia deciso di avventurarsi sul Bianco con le ciabatte, ossia senza l’abbigliamento e la strumentazione indispensabili. (...)

Continua a leggere l'editoriale di Maurizio Belpietro
su Libero in edicola o clicca qui

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Janses68

    11 Dicembre 2015 - 10:10

    Ma erano stati avvisato dell ' alto rischio ? O molto spesso chi ha direzionato i propri soldi su questa strada e' stato raggirato ? La responsbita' cade sullla banca e i suoi dirigenti.

    Report

    Rispondi

    • ramadan

      11 Dicembre 2015 - 15:03

      certamente nemmeno i dipendenti che hanno collocato le obbligazioni sapevano delle condizioni in cui versava la loro banca: questa situazione non poteva invece non essere a conoscenza dei vertici,amministratori e sindaci, nonchè alla banca d'italia che ha il compito di vigilare sulle banche e sulla loro gestione che deve essere saggia, onesta,professionale perchè prestano soldi altrui.

      Report

      Rispondi

media