Cerca

L'editoriale

Far pagare i profughi per poterli accogliere: un principio di civiltà

16 Gennaio 2016

0

La Danimarca è una monarchia gentile, una specie di Paese delle fiabe, dove la Regina Margherita regna su un sistema di Welfare tra i più avanzati d' Europa e la flexsecurity, un misto di flessibilità e sicurezza, garantisce un posto di lavoro a tutti o quasi. Eppure la democraticissima Danimarca adesso non solo chiude le frontiere ai profughi, ma pretende che quelli che ci sono paghino il dovuto per l' assistenza che viene loro prestata, arrivando perfino a sequestrare i beni personali degli immigrati.
Sì, avete letto bene. Il provvedimento è legge ed è stato voluto sia dai liberali al governo che dai socialdemocratici all' opposizione. Tutti uniti, convinti che gli aiuti agli extracomunitari arrivati a Copenhagen non possano essere gratis. Gioielli, soldi e qualsiasi altra cosa di valore (esclusa la fede nuziale o un bene cui si è particolarmente affezionati) verranno requisiti all' ingresso e usati dallo Stato come rimborso delle spese sostenute dalla collettività. (...)

Clicca qui, acquista una copia digitale di Libero e leggi l'editoriale di Maurizio Belpietro

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media