Cerca

L'editoriale

Napolitano confessa il golpe anti-Cav

Dal limbo in cui dovrebbe essere dimenticato dopo aver lasciato la Presidenza della Repubblica si fa vivo Giorgio Napolitano. L’ex capo dello Stato, non pago degli errori commessi nel periodo trascorso al Quirinale, all’alba dei 91 anni ha ancora l’ambizione di fare il grillo parlante e di stabilire che cosa sia giusto fare e come sia giusto sbagliare. In un’intervista concessa a Stefano Folli per la Repubblica, il primo comunista sul Colle ha commentato i fatti recenti, in particolare lo scontro fra il capo del governo e i vertici europei. Ovviamente Napolitano non è entrato in polemica diretta con Matteo Renzi, preferendo prenderla un po’ alla larga, ma il senso del suo discorso è stato più meno il seguente: se ci si mette contro la Germania è finita. Dopo di che l’ex capo dello stato ha rivendicato la scelta di aver liquidato Berlusconi. A domanda sulle analogie tra la crisi del 2011 e quella attuale (ieri il famigerato spread usato per mandare a casa il Cavaliere ha raggiunto i 150 punti), nonno Giorgio ha respinto l’accostamento, spiegando che cinque anni fa c’era una grave perdita di credibilità dell’Italia. "La maggioranza di centrodestra si andava sfilacciando in modo evidente e, d’altro canto, esisteva un’opposizione che esprimeva una visione di governo, un’idea di come stare in Europa".

Leggi l'editoriale di Maurizio Belpietro
su Libero in edicola martedì 9 febbraio
o acquista una copia digitale del quotidiano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sipa1932

    10 Febbraio 2016 - 20:08

    Napolitano, non morire ancora .. VOGLIO AVERE IL PIACERE DI ATTACCARTI PER I PIEDI A PIAZZALE LORETO.

    Report

    Rispondi

  • gianniob

    10 Febbraio 2016 - 16:04

    Giorgio!!!! Guarda che gli italiani NON sinistronzi come te, avevano capito subito cosa stavi tramando. Così come avevano visto quanti soldi hai arraffato nel tuo lungo periodo politico.

    Report

    Rispondi

  • Franco Pezzali

    09 Febbraio 2016 - 23:11

    Diciamocela giusta: quel popolo d pecoroni che siamo noi italiani cosa pretendiamo? Abbiamo oggi come ieri quel che ci meritiamo. Con i personaggi che abbiamo nel centrodestra ed i sinistri che assoldano cinesi e mussulmani vari il "bello" deve ancora venire.....auguri!!

    Report

    Rispondi

  • piacentinimaria

    09 Febbraio 2016 - 10:10

    Non è ancora arrivato il momento di far chiudere la ''Bocca '' a questo disonesto oppositore e depauperatore degli Italiani ?

    Report

    Rispondi