Cerca

L'editoriale

Belpietro: requisiscono le case sfitte per darle agli immigrati

21 Febbraio 2016

1

Si fa presto a dire: aiutiamoli! Ma poi dove li mettiamo? È ciò su cui da sempre ci interroghiamo noi di Libero a proposito di immigrati. Adesso finalmente c’è la risposta alla domanda: li metteranno a casa nostra. O per lo meno a casa di chi ha un alloggio che al momento risulti sfitto. O perché pensa di ristrutturarlo o perché ha intenzione di metterlo a disposizione dei figli o perché, più semplicemente, vuole venderlo ma è in attesa che il mercato risalga per poter spuntare un prezzo migliore. Chi è in queste condizioni, o magari semplicemente ha ereditato l’abitazione dei genitori e per ora la tiene per sé, usandola una volta o due l’anno, è bene che sappia di rischiare l’esproprio. Eh già, perché essendo in arrivo verso le coste italiane altri 50 mila profughi ed avendo l’Europa chiuso le frontiere, gli immigrati rischiano di rimanerci sul gobbo. Con la conseguente occupazione manu militari degli appartamenti attualmente non occupati.


Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • jennyjenny

    22 Febbraio 2016 - 06:06

    Una qualsiasi dittatura è meglio di questa repubblica di ladri,e di vagabondi statali. Le case sono un sacrificio di una vita. Tra un po'anche chi ha soldi in banca di una vita di lavoro,te li prende lo stato per mantenere negri. Questo è un governo di ladri,e di giudici balordi,che mettono in galera chi difende la vita della famiglia e premia i ladri e assassini.

    Report

    Rispondi

media