Cerca

L'editoriale di Maurizio Belpietro

Ma sì, evviva la Resistenza. Alla retorica di Mattarella e alle balle della Boldrini

26 Aprile 2016

1

È sempre tempo di resistenza. Parola del presidente della Repubblica, il quale ieri, a Varallo Sesia, ha voluto fare un preciso riferimento al referendum costituzionale. A quello per cui gli elettori saranno chiamati a votare in ottobre? Ma neanche per sogno, il richiamo era diretto al plebiscito con cui 70 anni fa gli italiani scelsero la Repubblica al posto della monarchia. Roba di stringente attualità, quindi. Come per altro è d’attualità l’appello a una resistenza perenne. Vi domandate per difendersi da chi e da che cosa? Non è dato sapersi. I fascisti non ci sono più, tanto che perfino gli ultimi eredi del Movimento sociale non si dicono più fascisti. In compenso, durante le manifestazioni del 25 aprile che si sono svolte un po’ in tutta Italia, gli unici ad essere contestati sono stati gli ebrei, ossia i discendenti di quella brigata che - partita da Tel Aviv - risalì la Penisola per liberare l’Italia dai nazisti. Invece di ricevere ringraziamenti per quanto fecero i loro genitori, i figli di quegli ebrei che combatterono per la nostra libertà sono stati accusati di essere fascisti e allontanati dal corteo senza che nessuno muovesse un dito, non i presidenti, non i sindacati. In compenso, alle manifestazioni del 25 aprile hanno potuto partecipare gli esponenti dei movimenti palestinesi, perché, come è noto, (...)

Clicca qui e leggi l'editoriale integrale di Maurizio Belpietro

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GiulianaBaudone

    26 Aprile 2016 - 10:10

    Il 25 Aprile l'eccidio degli Armeni.... nessuno l' ha ricordato....solo l'antifascismo muove questa sinistra.. Ridicolo continuare a sentire le solite frasi i soliti ritornelli atti solo a voler mantenere odio ....

    Report

    Rispondi

media