Cerca

L'editoriale

Grillini al bivio: perdere la purezza o auto-epurarsi

13 Maggio 2016

0

A fare il puro, troverai sempre uno più puro di te che ti epura. La frase non è mia ma di Pietro Nenni, il leader socialista che di puri ed epurazioni parlava con competenza, avendo visto passare il fascismo e lo stalinismo. Nenni è morto da quasi quarant’anni, ma l’aforisma calza a pennello a quanto sta accadendo oggi dentro il Movimento Cinque Stelle. Come è noto i grillini sono arrivati in Parlamento e nelle istituzioni sull’onda del sentimento anti Casta e hanno guadagnato consensi denunciando il sistema politico e la sua corruzione. Spesso i parlamentari pentastellati hanno chiesto le dimissioni di ministri e sindaci raggiunti da avvisi di garanzia e dunque ancora da considerarsi innocenti a termini di legge. E però ora quelle battaglie al grido di onestà, gli si ritorcono contro, perché nel frattempo molti di loro sono divenuti pubblici amministratori e per effetto delle loro azioni finiscono come i predecessori nel mirino della magistratura.

Leggi l'editoriale di Maurizio Belpietro
su Libero in edicola venerdì 13 maggio
o acquista una copia digitale del quotidiano

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media