Cerca

L'editoriale

Vittorio Feltri: lettera al presidente dell'Inps

22 Maggio 2016

2

Sappiamo che Tito Boeri, presidente della Previdenza sociale, ce l’ha con Libero perché gli fa le pulci. Ciò che lo ha mandato su tutte le furie è il fatto che abbiamo svelato le magagne dell’ente, tra cui il particolare che egli si è preso 500 metri quadrati in piazza Colonna a Roma per crearsi il proprio ufficio (il cui affitto varrebbe 500 mila euro all’anno, circa). Non è il caso che egli si irriti. Noi descriviamo la realtà che non è mai offensiva. Se, eventualmente, le cronache e le inchieste di Libero fossero lacunose, dato che l’esattezza è divina e non di questo mondo, sarebbe diritto di Boeri fornire delle precisazioni che finora però non ci sono pervenute. Non vorremmo che egli, per ritorsione, minacciasse di sfrattare il quotidiano Il Tempo dallo stesso edificio di piazza Colonna, sede della redazione. Sarebbe meschino che ciò avvenisse per iniziativa del capo dell’Inps, i cui problemi sono assai più gravi di questo.


Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • VFeltri

    24 Maggio 2016 - 16:04

    Certo che "Il tempo" pagasse l'affitto regolarmente e con gli arretrati non ci sarebbe bisogno dello sfratto che è sacrosanto in caso di morosità.

    Report

    Rispondi

  • fabrarca

    24 Maggio 2016 - 15:03

    Feltri, lo sfratto c'è già, non c'è alcuna ritorsione, c'è già perchè non pagate l'affitto dal 2012 a danno dei pensionati. Ecco Feltri, se lasciaste subito il terzo e il quarto piano di quell'edificio dell'INPS, del quale siete debitori per 3 milioni di euro verso i pensionati, fareste un'opera "meritoria" nei confronti di quest'ultimi.

    Report

    Rispondi

media