Cerca

L'editoriale

Vittorio Feltri: Pensano ai morti, trascurano i vivi

27 Agosto 2016

0

Di solito succede questo: le grandi tragedie nazionali mobilitano i mezzi di comunicazione, che per qualche giorno non fanno altro che parlarne in tutte le salse fino alla saturazione. Le maratone televisive, che riprendono da ogni angolazione i danni provocati dal terremoto, durano meno di una settimana, sempre le stesse, i soliti cumuli di pietre, mani nude che scavano, cadaveri, gente disperata, lacrime.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media