Cerca

L'editoriale

Vittorio Feltri: Apprezzo Mattarella perché non finge che l'Italia gli garbi

2 Gennaio 2017

0

Non c'è nulla di più noioso e ripetitivo del discorso che ogni presidente della Repubblica rivolge annualmente alla nazione in occasione della fine dell'anno. Personalmente ne ho sorbiti tanti e ne ho perso il conto, quasi tutti uguali nella impostazione e nello svolgimento: frasi appesantite da retorica patriottarda, concetti scontati e talvolta melliflui. Insomma i pistolotti augurali del Quirinale hanno lasciato nella maggioranza dei casi indifferenti gli italiani e, comunque, sono stati ascoltati da una moltitudine di gente speranzosa di udire dal capo dello Stato qualche suggerimento per sopportare la realtà del nostro Paese e per apparecchiarsi ad affrontarla altri dodici mesi. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media