Cerca

L'editoriale

Vittorio Feltri: Renzi è fuori come un balcone

27 Gennaio 2017

1

Matteo Renzi è contento perché immagina che la questione della legge elettorale (tema che alla gente comune e perfino a me non importa un accidente) sia in via di risoluzione e a giugno si possa andare a votare. Fossi in lui non sarei tanto ottimista dato che ci vorrà un mese prima che la Corte costituzionale pubblichi le motivazioni della sentenza. Cosicché si giungerà a marzo per iniziare a studiare un nuovo sistema che vada bene alla Camera e al Senato, secondo i desideri del capo dello Stato e della stessa Consulta.

Clicca e leggi l'editoriale integrale di Vittorio Feltri

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • TheRusconiPost

    TheRusconiPost

    27 Gennaio 2017 - 12:12

    Quello della omogeneità della legge elettorale tra Camera e Senato è un falso problema, una scusa per dilatare i tempi della legislatura attuale rimandando sine die il voto. Da quando infatti i senatori vengono eletti tenendo conto del voto regionale le maggioranze sono sempre risultate difformi rispetto alla Camera dei deputati. Di quale fantasiosa storia di ingovernabilità ci si lamenta?

    Report

    Rispondi

media